FANDOM


Capitolo 9
Capitolo 9.jpg
Nome Capitolo 9
Postato il 9 Dicembre 2010
Titolo Uno dei Nemici più Potenti! Appare il Generale Cell!!


Il Capitolo 9 intitolato Uno dei Nemici più Potenti! Appare il Generale Cell!! è il Nono Capitolo della prima serie della Fan Fiction.

Capitolo Modifica

Dopo essere riusciti ad avere la meglio su Pain, Goku e Vegeta tornarono al loro stadio normale, essendo ancora trasformati in SSJ.
“E’ stata una passeggiata!” esclamò Vegeta sicuro di sé.
“Si ma conta che eravamo molti di più e, soprattutto, molto più forti di lui!” intervenne Gohan.
Luke aggiunse “Esatto, e non sperate che sia così facile anche contro l’Esercito: quelli sono dei veri mostri di potenza, e non sarà facile sconfiggerli tutti!”
Intanto gli abitanti di Konoha, che si erano radunati tutti in quella zona del Villaggio per assistere alla battaglia, erano rimasti senza parole dall’incredibile potenza mostrata dai visitatori, tanto che la ragazza dai capelli rosa che era all’Ospedale si fece avanti dicendo “Ma voi chi siete? Come fate ad essere così forti?”
Il gruppo si girò verso di lei e Nami chiese “E tu chi sei?”
“Io mi chiamo Sakura Haruno, ma voi piuttosto potreste rispondere alle domande che vi ho fatto?”
“Mi spiace ragazzina, ma noi parleremo solo in presenza di Naruto Uzumaki… che se il mio GPS portatile dice il vero è in arrivo proprio in questo momento!” rispose Luke con tono freddo.
Invece il resto degli abitanti uscì a festeggiare i propri salvatori: in quel momento non gli importava chi erano, contava che li avevano liberati dalla minaccia di Pain una volta per tutte. Il gruppo venne portato in trionfo contro la volontà di alcuni (soprattutto Zoro, Vegeta e David), mentre alcuni li lodavano con le parole.
“Wow siete stati incredibili!” disse Kiba.
“Siete fortissimi ragazzi!” disse invece Choji.
“Qual è il vostro segreto?” chiese invece Ino.
“Calma calma, non serve tutta questa acclamazione, abbiamo solo fatto il nostro dovere!” rispose Goku toccandosi la testa con la mano destra.
“Non credo che voi l’abbiate fatto fino in fondo, vero?” quella voce glaciale attirò l’attenzione di tutti, che girando la testa si ritrovarono di fronte ancora loro.
“Cooler, Ade. Ancora voi due!” disse Luke mettendo la mano sulla sua spada.
Tutti gli altri del gruppo intanto scesero dalla folla pronti a combattere di nuovo i due membri dell’Esercito.
“Eh già, ma stavolta non siamo soli, abbiamo una piccola sorpresa per voi cari amici!” esclamò Ade per poi farsi da parte insieme a Cooler facendo avanzare il Mostro Lucertola che li accompagnava.
“Luke, David, ma soprattutto Goku, Gohan, Vegeta e C-18: quanto tempo che non ci vediamo eh?”
Il suo arrivo lasciò completamente di sasso i 6 che aveva nominato, tanto che Luke tolse la mano dalla spada “TU!” i pugni del ragazzo si strinsero a tal punto che quasi si bucava la pelle.
“Ancora quel mostro!” disse invece David ringhiando.
“I-Incredibile, ma allora…”
“… è proprio il Cell a cui ci riferivamo!” la frase di C-18 venne completata da Goku, che ancora non credeva ai suoi occhi.
“Esatto sono proprio io. Sono passati 7 anni dal Cell Game, suppongo che siate diventati più forti vero? Beh anch’io non sono stato con le mani in mano, non per niente sono Generale nell’Esercito!”
“TU COME FAI AD ESSERE ANCORA VIVO SOTTOSPECIE DI LUCERTOLA?” gridò Vegeta con tutto se stesso.
Cell sorrise maligno “E’ una lunga storia… che non starò di certo qui a spiegarvi. Piuttosto Luke e David, come vi va la vita? Sono passati 2 anni da quando vi ho stracciato, spero che siate diventati più forti da allora, altrimenti non ci sarebbe divertimento!”
Luke a quelle parole tirò fuori la sua spada nera e si lanciò diretto verso Cell “SONO MOLTO PIU’ FORTE DI ALLORA, NON FINIRA’ COME L’ALTRA VOLTA!” le sue parole trasaliva rabbia repressa che non vedeva l’ora di uscire, peccato che servì a ben poco: Cell riuscì a schivare la spadata di Luke in poco tempo e colpì in pieno stomaco il ragazzo con una ginocchiata e poi con un calcio in pieno viso lo lanciò talmente lontano che rase al suolo una delle case dei dintorni.
“Oh no Maestro!” gridò David correndo a vedere come stava il bruno.
Gohan rimase incredulo *Oh no, non solo Cell non ha perso la sua potenza… ma sembra addirittura molto più forte dell’ultima volta in cui ci siamo battuti!*
“Aspettate un secondo… ma quello chi è?” domandò Kiba non capendo cosa stava succedendo.
“Non lo so… ma non promette nulla di buono!” gli rispose Shino.
Cell mise le braccia conserte e sorrise divertito “Come mi aspettavo: sei più forte, ma non alla mia altezza… a questo punto non c’è motivo per cui rimanga qui a giocare con voi se non ci si diverte!” poi si rivolse a Cooler ed Ade mettendo le braccia ad X “Sapete cosa fare!”
“Sissignore!” risposero in coro i due.
L’Androide cominciò a caricarsi di fulmini provenienti dal suo corpo, e molti non capivano cosa stesse facendo, come Sakura “Ma… cosa sta combinando quello?”
Vegeta invece aveva capito perfettamente cosa stava per fare *Oh Merda!*
Cell, appena finito il caricamento, utilizzò una Barriera Energetica talmente grossa che non solo colpì in pieno tutti coloro che erano nel perimetro di Konoha, ma la rase al suolo senza lasciare in piedi neanche una delle mille case di cui era composto il Villaggio. Alla fine dell’attacco l’Androide sorrise beffardo “Fin troppo facile!”
“Generale, lei è sempre il migliore. Devo ammetterlo!” affermò Ade che si era protetto grazie ad una barriera creata dal suo socio Cooler.
“Già, non posso credere di essermi scomodato per degli avversari che si sono rivelati una vera delusione. Beh concludete voi il lavoro qui, io torno alla Base a far rapporto al Signore Oscuro!” riferì Cell che, dopo aver dato gli ordini, si levò in volo e partì diretto verso il misterioso Castello base dell’Esercito.
Cooler intanto sorrise “Sarà un vero piacere eliminare i Sayan e quello col Cappello di Paglia!”
Ade però notò qualcosa che Cooler non aveva visto “Scusa collega… che fine hanno fatto tutti?”
Infatti, tra le rovine del Villaggio, c’erano solo delle lumache tutte uguali “Cos’è questa storia?” domandò Cooler irritato.
Da quelle stesse lumache uscirono tutti gli abitanti di Konoha, compresi il gruppo, perfettamente integri… a parte Luke che perdeva ancora sangue dal labbro a causa del precedente colpo di Cell.
“Cosa? Non hanno neanche un graffio? Che significa questo?” domandò Cooler sempre più irritato.
“In effetti… non sappiamo spiegarcelo nemmeno noi!” confessò Sanji visibilmente confuso.
Sakura invece aveva capito perfettamente cos’era successo *Maestra Tsunade… ha rilasciato il sigillo situato nella sua fronte per salvare gli abitanti trasmettendo tutto il chakra accumulato in esso per poter permettere a Katsuyu di proteggere ogni singolo abitante…*
Infatti Tsunade era l’unica che non era stata ingombrata in Katsuyu e aveva subito alcuni danni a causa dell’attacco di Cell *S-Sono ridotta troppo male… n-non so se…*
In quel momento Ade, vedendo la donna piena di ferite sulle macerie di quello che era il Palazzo dell’Hokage, capì “Scommetto che è per colpa tua che sono sopravvissuti tutti, non è vero?”
Mentre Ade parlava, da sottoterra fuoriuscì un enorme demone che sputò fuori dalla bocca delle specie di anime che entrarono immediatamente dentro coloro che erano deceduti durante l’attacco di Pain; a operazione terminata il demone sparì di nuovo sottoterra.
“E quello cos’era?” domandò Nami rivolta al gruppo.
“Non chiederlo a me, ne so quanto te!” le rispose Gohan.
Gli altri però non sembravano averci fatto caso, in quanto Ade aveva ormai puntato Tsunade “La pagherai stupida donna per aver salvato tutti. CREPA!” e subito sparò una palla di fuoco diretta verso Tsunade.
“MAESTRA TSUNADE LA SCHIVI. PRESTO!” gridò Sakura con tutta se stessa.
Ma non c’era niente da fare: la donna non riusciva più a muoversi in quanto era rimasta senza energie; nonostante ciò però non sembrava spaventata, anzi sorrise e, guardando negli occhi Sakura ricambiata, pensò *Sakura… sei stata un ottima allieva in questi 2 anni, mi raccomando. Lascio la mia eredità a te!* prima di essere completamente disintegrata dall’attacco di Ade.
Tutti, soprattutto gli abitanti di Konoha, rimasero scioccati alla morte dell’anziana Hokage.
“Oh no Quinto Hokage!” gridò Kiba nel vedere la fine della donna.
“L’ha davvero…” si limitò a dire Hinata mentre Ino aveva le mani in bocca e le lacrime agli occhi. Sakura invece, come se avesse recepito le ultime parole di Tsunade, rimase lì come imbambolata senza muovere un muscolo: per lei la donna era come una seconda madre, era molto legata a lei, e ora… non c’era più. Ad un certo punto, presa come da una rabbia improvvisa, il suo pugno destro si caricò di Chakra verde e la ragazza, con le lacrime agli occhi, partì alla carica di Ade “DEVI MORIRE BASTARDO!”
Sakura venne però tempestivamente fermata da C-18 che la prese di spalle “Non fare la stupida!”
“Lasciami andare, devo dargli una lezione!” Sakura tentava in tutti i modi di liberarsi dalla presa.
“Cosa risolveresti combattendolo? Moriresti solamente, e tu lo sai benissimo!”
La rosa però non sembrava voler sentire ragioni e continuò ad agitarsi per far mollare la presa a C-18.
Ade, vedendo la scena, disse “Vuoi combattere con me ragazzina? D’accordo come vuoi!”
“Perché invece non te la vedi con me?” con un balzo giunse sul campo di battaglia Sasuke accompagnato da Karin, Suigetsu e un altro ragazzo dai capelli arancioni chiamato Juugo.
“E tu chi saresti?” chiese stavolta Cooler al nuovo arrivato.
“Non deve interessarti il mio nome. Ho assistito a tutta la battaglia e non mi piace sapere che c’è in giro gente così forte, quindi prima ucciderò tutti e due e poi il vostro capo, il tizio che era con voi!” affermò Sasuke.
“Un tipo duro eh? Lascialo a me Cooler!” chiese Ade all’alieno.
“D’accordo come vuoi!” Cooler, al contrario, non era interessato a battersi col ragazzino.
Il Dio dei Morti non perse tempo e sparò subito una palla di fuoco diretta verso Sasuke “Voi state fermi, ci penso io a lui!” il moro attivò lo Sharingan e schivò l’attacco, allorché Ade utilizzò il suo attacco migliore (la Colonna di Fuoco) per tentare di colpirlo, ma grazie alla sua Abilità Innata Sasuke riuscì a schivare entrambe le colonne e, tirando fuori la spada, colpì in pieno petto Ade trafiggendolo da parte a parte.
Il Dio rise divertito “Che ironia, vuoi davvero uccidere un Dio?”
“Sei un Dio? Buono a sapersi!” dopo essersi staccato da Ade, Sasuke rimise a posto la spada e attivò il Mangekyou Sharingan insieme a Susanoo che, utilizzando la sua Spada Totsuka, trafisse nello stesso punto di prima il Comandante dell’Esercito.
“Ci riprovi? Ma allora sei scem… ehi che succede?” il Dio dei Morti venne risucchiato piano piano dalla Spada di Susanoo “Ehi no aspetta, non doveva finire così. NOOOOOOOOOOOOOO!”
Troppo tardi: Ade venne intrappolato per sempre nella spada di Susanoo mentre Sasuke sorridendo disse “Stupido Dio dei miei stivali, ora rimarrai intrappolato nella Spada Totsuka per l’eternità!”
Gli abitanti di Konoha, che lo avevano riconosciuto subito, rimasero senza parole nel vedere che l’ultimo membro del Clan Uchiha, al posto di ucciderli tutti, stava combattendo… per loro.
“S-Sasuke? Ma… ci sta aiutando?!” intervenne Kiba a bocca aperta mentre Sakura era lì ferma ed incredula da ciò che stava vedendo.
Mentre Luke si asciugò il sangue che gli usciva dalla bocca, Goku affermò “Però, niente male quel ragazzo!”
Cooler invece non sembrava contento della sconfitta del suo compagno “C-Cosa hai fatto ad Ade? Dimmelo subito!” Cooler si librò in volo cominciando a caricare una Supernova “Anzi non lo voglio sapere, preferisco eliminarvi immediatamente!”
“FATE ATTENZIONE, QUELLO VUOLE UCCIDERCI TUTTI!” gridò Sanji verso gli altri capendo cosa voleva fare l’alieno.
“CREPATE TUTTI BAS…” non fece in tempo a lanciare il suo attacco che si ritrovò un buco in pieno stomaco causato da un Mille Falchi “M-Ma che…” Cooler, girando la testa, vide un uomo dai capelli argentati con la bocca coperta da una benda.
“Mai abbassare la guardia… amico!” era Kakashi, misteriosamente tornato in vita.
“Il Maestro Kakashi?” Choji era senza parole, l’aveva visto morire con i suoi occhi… come poteva essere ancora vivo.
“Eh già!” proprio in quel momento Shikamaru raggiunse l’amico “Non so come sia tornato in vita, ma ho voluto dargli una mano dandogli una spinta verso l’alto dividendo la mia ombra in tanti filamenti in modo che raggiungesse quel mostro!”
Nel frattempo nei cieli Kakashi non aveva ancora finito, infatti attivò immediatamente anche lui il Mangekyou Sharingan e, facendo pressione sulla testa di Cooler con una distorsione spazio-temporale, gliela staccò completamente uccidendolo sul colpo, per poi atterrare e togliere la sua mano dal cadavere dell’alieno.
Gli abitanti di Konoha non sapevano cosa fare: volevano festeggiare l’ennesima vittoria, ma la presenza di Sasuke e i suoi uomini era molto sospetta per loro.
Sasuke applaudì l’esibizione di Kakashi “Davvero bravo ex Maestro, ora però se non le dispiace devo fare ciò per cui ero venuto: distruggere Konoha. Vediamo… da chi posso partire?” il ragazzo cominciò a guardarsi attorno, finchè non adocchiò la sua prima vittima e si lanciò immediatamente contro di lui; Zoro in risposta tirò fuori immediatamente Shuusui parando l’attacco del moro.
“Niente male ragazzino!” disse Zoro beffardo.
“E questo è niente!” Sasuke fece un passo all’indietro ed utilizzò la Tecnica della Palla di Fuoco Suprema, schivata immediatamente da Zoro che attivò le 36 Passioni Demoniache della Fenice lanciandole verso il moro, schivato però di nuovo *E’ in gamba, meglio farlo fuori subito prima che crei problemi…. Amaterasu!* Zoro, intuendo cosa voleva fare Sasuke, tirò fuori la Ichimonji ed utilizzò le 72 Passioni Demoniache della Fenice col quale aprì un varco nelle fiamme prima che lo raggiungessero, in questo modo ci passò attraverso rimanendo illeso.
“Beccati questo: Tecnica ad estrazione ad una spada, Canto del Leone!” Zoro ripose le due spade e preparò l’attacco da lanciare contro Sasuke.
Il giovane Uchiha pensò *Ingegnoso, ha aperto un varco nell’Amaterasu poco prima che lo lanciassi, ma non è ancora finita!* “Chidori!” anche lui caricò l’attacco e cominciò a lanciarsi verso Zoro.
I due si stavano per scontrare, quando qualcuno con velocità impressionante prese i due per i bracci coi quali stavano lanciando gli attacchi e li spedì lontani in direzioni opposte.
“Sto cominciando a stancarmi di questi continui arrivi!” esclamò Vegeta sbuffando.
“Aspetta, ma chi è quello? Ha interrotto i due con una velocità impressionante!” disse C-18.
Sakura rimase ancora di più senza parole vedendo chi era: prima l’arrivo di Sasuke, poi Kakashi misteriosamente tornato in vita, e ora… “…. Na… ru… to!” già: il ragazzo era proprio l’Uzumaki.
Sasuke e Zoro si rialzarono in quel momento e il moro non prese bene l’arrivo del suo ex compagno “Ancora tu? Ma è possibile che devi sempre interferire nei miei piani?”
Naruto rise divertito “Sarà, ma intanto è grazie a me se ti sei salvato: quel tizio là ti avrebbe sicuramente sconfitto. Mi è bastato percepire l’entità dei colpi per capirlo!”
“Adesso mi hai stancato Narut…” Sasuke si ritrovò una lama puntata al collo senza che avesse potuto spostarsi prima del suo arrivo *Maledizione: avevo previsto l’attacco, ma è stato troppo veloce…*
A fare tutto era stato Luke “Adesso mi sono veramente stancato di queste continue intromissioni in una situazione del genere, quindi o stai buono o sarò costretto a freddarti!”
“Tsk non ci riuscirai finchè avrò i miei com…” peccato che non aveva neanche quelli, visto che Karin, Suigetsu e Juugo (che avevano attaccato con lui) erano stati stesi in poco tempo rispettivamente da Nami, Gohan e Sanji “… come non detto!” Sasuke disattivò lo Sharingan capendo la situazione in cui si trovava, e soprattutto capendo che era meglio non mettersi contro quello strano ragazzo che lo aveva bloccato senza dargli la possibilità di reagire.
“Molto bene!” Luke rimise a posto la sua spada e si rivolse a Naruto “Naruto Uzumaki, sei proprio tu quello che stavamo cercando: ascolta attentamente ciò che devo dirti!”

Dopo le dovute presentazioni, Luke spiegò tutto anche agli abitanti di Konoha.
“Quindi… stareste dicendo che quei 3 che hanno distrutto il Villaggio fanno parte di un Esercito che punta ad ucciderci tutti?” domandò Shikamaru.
“Più o meno è così!” rispose Goku.
“E abbiamo assolutamente bisogno del tuo aiuto Naruto: devi venire con noi per aiutarci a combattere questa minaccia!” aggiunse Luke.
Naruto cominciò a pensarci su “Non lo so: sono appena tornato a Konoha e ci sono parecchi lavori da fare per ricostruirla…”
“Vai Naruto!” a parlare era stato lo stesso Kakashi, che attirò l’attenzione di tutti “Conosco la storia dei 4 Universi perché mi era stata raccontata tempo fa come una storia falsa… ma se ciò che dicono è vero DEVI intraprendere questo viaggio… per proteggere non solo te stesso… ma tutti coloro che ti vogliono bene… e poi scommetto che è grazie a te se sono vivo vero?”
Naruto sorrise “In effetti si: mentre stavate combattendo ho parlato con Nagato, il vero corpo di Pain, e dopo una lunga discussione mi ha dato fiducia e ha riportato in vita tut…. beh quasi tutti…”
Il biondo si stava sicuramente riferendo a Tsunade, che purtroppo non aveva avuto lo stesso destino degli altri risorti… Kakashi lo capì subito e per tranquillizzare il biondo prese una decisione “Naruto… che ne dici se vengo con voi?”
“Certo che puoi, mi farebbe piacere; se verrà anche lei sarò più tranquillo!” il biondo era al settimo cielo per la decisione del Maestro.
“Verrò anch’io!” intervenne Sakura con grande determinazione.
“No aspetta Sakura, è meglio che non vieni, la missione da quanto ho capito è molto pericolosa!” tentò di convincerla Naruto.
La ragazza abbassò la testa “… è quello che avrebbe voluto Tsunade…”
A quelle parole il ragazzo non ebbe il coraggio di dire ulteriormente no “… D’accordo… come vuoi!”
“E non sperate di partire senza di me!” stavolta l’affermazione lasciò DAVVERO tutti di stucco, visto che a parlare era stato nientemeno che Sasuke Uchiha “… Cosa sono quelle facce? Da quanto ho visto quella lucertola di prima è molto potente, e ucciderla sarà una vera gioia per me. Inoltre da quanto ho capito ci saranno parecchi nemici potenti da affrontare, e io non posso tirarmi indietro… anche se un altro dei motivi per cui ho preso questa decisione è perché devo sistemare i conti con quello spadaccino là!”
“Tsk!” si limitò a dire Zoro.
Naruto, Sakura e Kakashi sorrisero: sapevano benissimo che Sasuke veniva per semplice tornaconto suo, ma in questo modo… sarebbe stato come tornare ai bei vecchi tempi del Team 7… beh più o meno.
“Cosa stai dicendo Sasuke? Ci lasci qui con questi qua?” contestò Suigetsu.
“Esatto, starete qui fino al mio ritorno. Siete troppo deboli per affrontare avversari del genere!” il ragazzo dai capelli argentati non era d’accordo, ma sapeva che se ribatteva sarebbe stato eliminato, per cui non fiatò e stessa cosa fecero Juugo e Karin.
Luke annuì alle affermazioni dei 4 Ninja e disse “Se siete pronti allora possiamo muoverci immediatamente: andremo a piedi per non essere intercettati di nuovo e così ci metteremo 5 giorni a giungere alla porta del prossimo e ultimo Universo!” tutto il gruppo (compresi i 4 nuovi “acquisti”) annuirono, anche se Vegeta e Sasuke sembravano assorti nei loro pensieri in quel momento.
“Cercate di fare attenzione ragazzi. Kakashi si fida di loro e quindi anch’io, ma state comunque attenti!” disse Shikamaru al gruppo.
“Non ti preoccupare amico, ce la caveremo!” rispose Naruto sorridendo.
“E tu Sakura, vedi di rendere onore alla grande Tsunade ok?” esclamò Ino rivolta all’amica che ricambiò con uno sguardo d’intesa.
Kakashi stava intanto salutando gli altri Jonin mentre Sasuke se ne stava in disparte come sempre.
“Molto bene, in marcia!” all’affermazione di Luke tutto il gruppo si avviò immediatamente verso le porte del Villaggio accompagnati dagli abitanti e dal gruppo di Sasuke (e da lontano anche da Fukusaku) e, una volta varcato ciò che rimaneva dei cancelli, proseguirono da soli mentre gli altri da lontano li salutavano calorosamente per augurargli buona fortuna per il loro lungo e molto faticoso viaggio: ne avevano molto bisogno sapendo cosa sarebbe successo in futuro.

Eventi Principali Modifica

  • Il Generale Cell si mostra e, dopo aver sconfitto Luke, rade al suolo Konoha.
  • Tsunade salva tutti con l'aiuto di Katsuyu e viene uccisa da Ade.
  • Arrivano Sasuke e il suo gruppo.
  • Sasuke sconfigge e intrappola Ade.
  • Cooler tenta di uccidere tutti ma viene ucciso da Kakashi.
  • Lo scontro tra Zoro e Sasuke viene interrotto da Naruto.
  • Il gruppo riparte portandosi dietro Naruto, Sakura, Sasuke e Kakashi.

Debutti Modifica

Kakashi Hatake

Juugo

Personaggi Apparsi Modifica

Son Goku

Son Gohan

Vegeta

C-18

Luke

David

Roronoa Zoro

Nami

Sanji

Monkey D. Luffy

Sakura Haruno

Shikamaru Nara

Ino Yamanaka

Choji Akimichi

Shino Aburame

Kiba Inuzuka

Hinata Hyuga

Kakashi Hatake

Tsunade

Naruto Uzumaki

Fukusaku

Sasuke Uchiha

Suigetsu Hozuki

Karin

Juugo

Cooler

Ade

Cell

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale