FANDOM


Capitolo 52
Capitolo 52.jpg
Nome Capitolo 52
Postato il 20 Dicembre 2011
Titolo Rivelazione Sconcertante! L'Incarnazione del Male!!


Il Capitolo 52 intitolato Rivelazione Sconcertante! L'Incarnazione del Male!! è il Cinquantaduesimo Capitolo della prima serie della Fan Fiction.

CapitoloModifica

Nell’Universo di Mezzo era mezzogiorno e, dopo che tutti si erano svegliati e avevano fatto colazione, gli ex prigionieri della Fortezza Oscura erano pronti per tornare nei rispettivi mondi guidati dai Rivoluzionari… non dopo aver salutato tutti i loro amici naturalmente.
“Buon viaggio Videl. Sarai al sicuro con loro!” Gohan stava salutando la sua neo fidanzata in quel momento.
“Non c’è niente di cui preoccuparsi, l’Esercito è stato sconfitto, per cui non troveremo nessun pericolo durante l’attraversata!” lo rassicurò la figlia di Mr. Satan.
C-18, sapendo che tutti erano pronti a partire e volendo che sua figlia tornasse a casa sana e salva, si avvicinò ai due ragazzi e, rivolgendosi alla giovane, disse “Scusa Videl… potresti gentilmente riportare la mia bambina nel nostro Universo? Preferisco che torni a casa, dove sarà al sicuro nel caso di eventuali problemi!” è vero che tutto era tornato tranquillo, ma la prudenza non era mai troppa.
Lei non ci vide niente in contrario “Nessun problema, lo farò con molto piacere!”
“Grazie mille. Appena tornata affidala a Bulma: ci penserà lei a contattare mio marito!” detto questo, la Cyborg diede la figlia in braccio alla ragazza.
“Con me sarà al sicuro!” fece Videl prendendo in braccio la bambina.
“Buona fortuna!” concluse infine Gohan salutando la fidanzata con un leggero bacio sulle labbra.
“Anche lei parte Re Kaioh?” Goku invece era andato dalla Divinità e gli aveva chiesto se intendeva andare via anche lui.
Ma lui rispose “A dire la verità volevo rimanere qui… in fondo non credo che possano riportarmi nell’aldilà, ci penserai tu quando avrete aperto la Porta del Male!”
“Per me non c’è problema, può rimanere quanto vuole!” fece il Sayan, felice in fondo che il suo maestro e amico rimanesse con loro ancora per un po’.
Invece Sora, Riku e Kairi stavano parlando con Paperino e Pippo… e gli avevano appena comunicato che Topolino era deceduto durante una missione di salvataggio.
“Il Re è morto? Ma com’è possibile?” esclamò il papero allibito.
“… Purtroppo è stato ucciso da Freezer, e prima di morire mi ha regalato il suo Keyblade... non sapete quanto mi dispiace…” esclamò la rossa con la testa abbassata, ancora dispiaciuta per la terribile fine che aveva fatto il piccolo topo.
“Questa si che è davvero una brutta notizia…” Pippo seguì l’esempio della ragazza abbassando lo sguardo.
Riku allora intervenne dicendo “E’ stato un grande maestro e un grande amico, mancherà a tutti. 2 giorni fa Yuffie ha riportato il suo cadavere nel vostro mondo, quindi molto probabilmente avranno già fatto una tomba per lui!”
“La prima cosa che faremo sarà di andare a trovarlo, è il minimo che possiamo fare!” fece allora Paperino, sapendo che grande persona fosse Re Topolino.
“Beh, allora vi saluto ragazzi… sapete, vi conosco solo da ieri, ma mi state già simpatici!” esclamò invece il Prescelto dal Keyblade con un sorriso, pensando sul serio quello che aveva appena detto.
“Yuk, anche tu ci sei simpatico Sora, speriamo di rincontrarci un giorno!” disse Pippo a quel punto con la sua solita faccia buffa.
Il bruno allora, mettendosi le mani dietro la testa, rispose “Speriamo che ciò avvenga…”
Invece Naruto, Sakura e Kakashi stavano salutando i loro amici di Konoha, anche loro in partenza “Fate buon viaggio ragazzi, e salutatemi Kiba e gli altri!” fece infatti il biondo con un sorriso.
“Lo faremo, non preoccuparti!” replicò Rock Lee mettendosi in posizione.
“Voi vedete di non cacciarvi nei guai, amici!” fece invece Choji raccomandando i suoi compagni di fare attenzione.
“E tu e Sakura cercate di non andarci troppo giù con l’accoppiamento!” continuò Ino per punzecchiare la sua migliore amica.
Ovviamente l’Haruno, tutta rossa in viso, disse “M-Ma che diamine stai dicendo? O///O”
“Scherzo Sakura, tranquilla!” replicò la Yamanaka tranquillizzando la rosa.
Tuttavia lei decise di seguire il suo esempio “Anche tu e Sai vedete di andarci piano ù.ù!”
A quel punto Ino divenne totalmente rossa, mentre Sai, quasi indifferente, disse “Vai tranquilla, che non succederà!”
Naturalmente quelle parole colpirono particolarmente la bionda… com’era possibile che dopo la scorsa notte non fosse nato niente in lui… quando in lei qualcosa stava cambiando riguardo i sentimenti per il giovane *Sai… sul serio ti sono così indifferente?...*
“Come va la situazione a Konoha? Avete eletto un nuovo Hokage?” Kakashi invece stava parlando con Shikamaru per conoscere i fatti avvenuti nel villaggio.
“Tutto a posto: ormai l’abbiamo quasi ricostruita, e Danzou è stato eletto Sesto Hokage… anche se il secondo candidato eri tu!”
L’Hatake rimase colpito da quella rivelazione *Danzou? Ma che diamine è saltato in testa agli anziani del Paese del Fuoco?...* per poi dire “Beh spero che almeno sia un buon Capovillaggio…”
“Mah per ora è abbastanza duro… però vedremo nel tempo se migliorerà oppure no!” fece infine il Nara sbuffando annoiato… del tutto inconsapevole della fine che aveva fatto il nuovo Hokage.
Nami, Zoro, Luffy e Sanji intanto stavano salutando la loro vecchia conoscenza Bibi “Mi mancherai un sacco, amica!” esclamò la navigatrice rivolta alla ragazza dai capelli azzurri.
“E’ stato un vero piacere rivedervi!” disse la Principessa sorridendo ai suoi vecchi compagni di ciurma.
“E lo è stato anche per noi, Bibi cara *_*!” fece invece il cuoco cominciando a ronzare intorno alla ragazza come un calabrone.
Anche se… “Ti ero mancato anche io?” Ivankov spuntò alle spalle della Ciurma di Cappello di Paglia insieme ad Inazuma facendo prendere un colpo a tutti… soprattutto a Sanji.
“Col cavolo, avrei preferito non rivederti mai più! è_é” disse infatti il biondo con sguardo omicida al regino.
“Invece per me è stato bello rivedere entrambi, soprattutto dopo l’aiuto che mi avete dato ad Impel Down e Marineford!” esclamò invece il Capitano, che in fondo era contento di averli rivisti.
“Anche per noi lo è stato, Cappello di Paglia!” disse Inazuma con in mano il suo solito bicchiere di vino.
Ad un certo punto però Dragon, vedendo che la cosa si poteva protrarre a lungo, decise di intervenire “Direi che vi siete salutati abbastanza. Forza, salite sulla Gummiship e vi riporterò nel vostro Universo!” per poi indicare la Gummiship che avrebbero usato per partire: il giorno prima i Rivoluzionari avevano usato le navicelle rubate per riportare tutti gli ex prigionieri a casa, le uniche ad essere rimaste lì erano le 4 della Resistenza e quella che avrebbero utilizzato gli altri una volta finiti i festeggiamenti.
Al richiamo dell’uomo, tutti coloro che dovevano partire annuirono e si sbrigarono a fare gli ultimi saluti, il tutto mentre Luffy, avvicinandosi al padre, disse “Lo sai… in fondo… sono felice di aver conosciuto anche te… papà!” per poi strappare uno dei suoi migliori sorrisi.
Dragon all’inizio sembrò non voler dire niente al figlio… ma poi, dopo avergli dato le spalle, sorrise anche lui e disse “Anche per me lo è stato… ragazzo mio!”
Alla fine, non appena tutti furono a bordo, la Gummiship si sollevò da terra e partì in quarta dritta verso la prima Porta degli Universi che avrebbero dovuto attraversare… il tutto mentre gli altri rimasti li salutavano agitando le mani e dicendo frasi del tipo “Arrivederci!” “Ci vediamo quando torniamo a casa anche noi!” “A presto!”
Grazie alla velocità del mezzo, ci avrebbero messo al massimo un ora per riportare tutti a casa…

Tuttavia non passarono neanche 10 minuti dalla loro partenza che Luke, approfittando del fatto che fossero tutti ancora fuori, intervenne dicendo “Allora ragazzi… andiamo ad aprire la Porta del Male?”
“Di già? Non è un po’ presto?” fece David al maestro un po’ stranito dalla fretta mostrata dal ragazzo.
“Credetemi: prima lo facciamo e meglio è per tutti gli Universi!” intervenne quindi l’Hitari maggiore, che ora indossava un guanto sulla mano sinistra, a spiegare le ragioni della sua decisione.
“… Beh, in effetti non hai tutti i torti…” rifletté Yuffie, che vedeva quella possibilità come la cosa migliore da fare al momento.
“Ma scusate un secondo: per aprirla non occorrono tutti i Cristalli?” domandò invece Tifa, a cui la cosa sembrava alquanto strana.
“I Cristalli? E che centrano?” domandò a quel punto Goku, che trovava molto strano il fatto che avessero nominato proprio i loro oggetti.
Fu Cid a rispondergli “Questo perché servono loro ad aprirla!”
“Eh?!” quella nuova notizia lasciò a bocca aperta quasi tutti i membri non originali della Resistenza (Vegeta, Zoro e Sasuke si erano limitati ad alzare il sopracciglio).
“Vi spiego io: la Porta del Male è stata creata milioni di anni fa dai 10 Cavalieri della Speranza tramite un rituale molto potente… alla fine loro, per sigillarla del tutto, vi hanno messo 10 buchi intorno alla sua serratura… e l’unico modo per aprirla è inserire lì dentro proprio i 10 Cristalli, così il sigillo si spezzerà e la porta si aprirà!” spiegò Leon appoggiato al muro del Quartier Generale con le braccia conserte.
“Ah, ora capisco perché vi servono i nostro oggetti!” esclamò Kairi capendo tutto.
Vegeta invece, sbuffando, disse “Bah, a me basta tornare a casa, in modo che possa proseguire gli allenamenti per diventare più forte e battere Kakaroth!”
“A me invece basta tornare a Konoha per… per…” a Sasuke venne un terribile dubbio: all’inizio voleva soltanto radere al suolo villaggio… ma ora, dopo i fatti avvenuti durante lo scontro con Sephiroth… non sapeva più cosa pensare!
“… Raderla al suolo?” Kakashi, vedendolo dubbioso, intervenne con quella frase per sapere che cosa ne pensava il ragazzo di quell’idea.
L’Uchiha, sentendo l’ex Maestro, disse “Beh… un tempo lo avrei fatto… ma ora ho dei dubbi… e comunque non sono affari tuoi!” abbastanza scocciato, il ragazzo si allontanò dall’uomo per evitare che cominci una delle sue solite repliche.
Ma stavolta l’Hatake non aveva alcuna intenzione di farla… anche perché aveva capito che il giovane non l’avrebbe fatto *Ne sono sicuro: non distruggerà più Konoha… me ne ha dato la prova proprio ora!*
“Bene, ora che è stato tutto chiarito, direi di metterci in viaggio immediatamente!” propose a quel punto Luke, ottenendo praticamente il consenso di tutti.
“Ovviamente dovranno andare con lui tutte le reincarnazioni dei Cavalieri della Speranza!” esclamò Riku.
Sora, al commento dell’amico, disse “Questo era sottointeso, ovviamente!”
“Bene, mettiamoci in marcia!” propose a quel punto C-18 determinata più che mai a portare a termine quell’ultimo compito.
“Io ho studiato molto bene la strada per raggiungerla: vi scorterò io!” intervenne Aerith, che si era proposta di fargli da guida grazie alla sua conoscenza del percorso.
“Verrò anch’io: in qualità di Leader della Resistenza devo controllare che tutto proceda come previsto!” fece anche Leon, desideroso di venire per verificare che tutto andasse bene.
“Vi seguirò pure io, giusto per vedere com’è questa “porta” che è la causa di tutto quello che è successo, compresa la mia resurrezione!” affermò anche Bardak.
“Ma… sei sicuro papà?” domandò Goku, un po’ stranito dalla richiesta del padre.
“Sono un Sayan, so badare a me stesso!” rispose però l’uomo con tono quasi di rimprovero: il figlio sbagliava a preoccuparsi di lui, visto che sapeva difendersi a meraviglia.
“Ok ok papà, non serve agitarsi!” rispose a quel punto il Son ponendo le mani avanti per evitare conflitti inutili.
“Ci sarò anch’io… una Maestra del Keyblade come me può sempre servire quando si tratta di “serrature”!” intervenne infine Aqua, che aveva deciso di seguirli più per precauzione che per aiuto nell’aprire la Porta del Male.
“Qualcun altro vuole aggiungersi?” domandò a quel punto Luffy agli altri, visto che si stava unendo sempre più gente.
Nessuna risposta dall’altra parte però “Direi proprio di no!” disse alla fine Nami al suo Capitano.
“Ok, allora mettiamoci in cammino: prima arriviamo, meglio è per tutti gli Universi!” intervenne infine Luke, vedendo che ormai i “preparativi” erano stati fatti.
“Si, meglio non perdere ulteriore tempo. Muoviamoci!” alle parole di Leon, tutti coloro che erano stati designati per partire (le 9 reincarnazioni dei Cavalieri della Speranza, Squall, Aqua, Aerith e Bardak) cominciarono ad incamminarsi verso sud, dietro al Quartier Generale, mentre tutti gli altri li salutavano da lontano con frasi del tipo “Buona fortuna!” “Apritela, mi raccomando!” “Siate prudenti!”
Axel, che aveva raggiunto il tetto e si era seduto per guardarsi meglio la partenza, disse invece “Speriamo che vada tutto bene… ho una strana sensazione al riguardo…”
“Tu che dici… andrà tutto bene?” domandò Zoro a Gohan, visti i suoi dubbi sulla questione.
Purtroppo però anche il Sayan li aveva “Non lo so se facciamo bene ad aprirla… ma per adesso è la cosa giusta da fare!”
“Auguri, ragazzi miei!” disse Re Kaioh, che era rimasto lì come aveva detto a Goku, sperando che tutto andasse per il meglio.
“Forse qui tutti si sono dimenticati che ci sono ancora Orochimaru e l’uomo lucertola a piede libero…” si lamentò invece Sasuke, ricordandosi che c’erano ancora dei nemici in circolazione.
“Tsk quei due non rappresentano più un pericolo già da un bel po’!” replicò però Vegeta, che era convinto appieno che sia Cell che quel tizio che non conosceva non potessero più niente contro di lui.
Però, mentre bene o male tutti erano felici per il fatto che presto tutto sarebbe tornato alla normalità, c’era una persona che non se la sentiva proprio di sorridere… era la Yutani… e aveva molta paura riguardo ciò che sarebbe potuto accadere *Chissà se tutto andrà come previsto…*
“Tutto bene Chiara?” Yuffie, vedendo l’amica pensierosa e apparentemente triste, le domandò se aveva qualcosa che non andava.
Accorgendosi di aver esposto liberamente le sue preoccupazioni, la ragazza cercò di smentire subito “No no, è tutto a posto, pensavo solamente a cosa fare quando sarà tutto finito…”
“Ah bene, perché tra poco torneremo finalmente a casa, e io non vedo l’ora!” fece a quel punto la Kisaragi quasi saltando dalla gioia al solo pensiero di poter tornare finalmente al Radiant Garden, che ormai aveva preso il nome di Fortezza Oscura.
“Giustissimo…” ma, nonostante tutto, Chiara non la smetteva di pensare a cosa sarebbe accaduto una volta aperta la Porta del Male *Ho paura… ho davvero paura…*

“Ehi aspettate un momento!”
All’interno del gruppo della Resistenza e dell’ex Team Tempesta che era partito per la missione, Naruto aveva cacciato un grido che aveva attirato subito l’attenzione di tutti.
“Cosa c’è amico?” domandò infatti Sora.
“Ma… per aprire la Porta del Male servono 10 Cristalli… e noi ne abbiamo solo 9!” in effetti il ragionamento dell’Uzumaki non faceva acqua per niente…
“Non ha tutti i torti il ragazzo…” fece infatti Bardak concordando con lui.
Anche Leon dovette dargli ragione “Il ragionamento non fa una piega!”
“Oh cacchio, e allora come facciamo?” domandò allora Luffy, che non sapeva a quel punto come potevano ripristinare le barriere che separavano i vari Universi.
Tuttavia… “Non preoccupatevi di questo piccolo particolare: è tutto a posto!” Luke, che era avanti al gruppo insieme ad Aerith e Squall, intervenne assicurando a tutti che non c’era niente per cui allarmarsi.
“Perché dici così, Fratellone?” domandò allora David, che non aveva smesso di camminare proprio come gli altri del gruppo.
A quel punto l’Hitari maggiore sorrise, voltò la testa verso di loro e rispose dicendo “… Ho come la sensazione… che l’ultimo Cavaliere della Speranza si farà vedere nel momento esatto in cui arriveremo a destinazione!”

E in effetti il giovane non aveva tutti i torti… visto che sul serio Cell, Crocodile e Orochimaru li stavano seguendo stando distanti da loro circa 30 kilometri: erano tutti e 3 a piedi e prima di partire avevano distrutto l’ultima Gummiship dell’Esercito rimasta.
Per l’Androide non era difficile seguirli grazie al fatto che poteva percepire i movimenti di Goku grazie al suo Ki, di conseguenza potevano pedinarli e al tempo stesso non farsi scoprire.
“Sei sicuro di star seguendo la pista giusta? Senza contare che io e il Ninja qui potevamo usare la Gummiship per muoverci…” esclamò però l’ex Shicibukai, che non era molto sicuro di star andando nella direzione giusta.
“Fossi in te non dubiterei della mia percezione, Crocodile. Mentre riguardo la navicella… era meglio non correre rischi, nel caso avessero un GPS con loro ci avrebbero localizzato subito!” fece però l’ex Generale leggermente scocciato da quell’affermazione.
Anche il Sannin però aveva un quesito… anche se riguardava un'altra faccenda “Però c’è una cosa che non capisco nel tuo piano Cell… secondo quanto abbiamo visto, loro hanno bisogno di tutti i 10 Cristalli per poter aprire la Porta del Male… e uno ce l’hai tu… se dovessimo intervenire… non faremmo solo il suo gioco?”
“Detto così è vero… ma io ho un altro piano in mente…” replicò per l’Androide, che aveva previsto tutto, infatti, sorridendo malignamente, continuò dicendo “Non appena interverremo e diremo loro di non aprirla per nessuna ragione al mondo, mostrerò a tutti il mio Cristallo e dirò loro la verità, comprese le prove che abbiamo trovato… vedrai che a quel punto non potranno far altro che credermi… e il piano dell’Incarnazione del Male andrà a farsi fottere!”
“Giusto ragionamento… così ci penseranno loro a farla fuori e, appena ci saranno riusciti, interverremo noi e li uccideremo tutti ad uno ad uno sfruttando anche il potere del tuo Cavaliere della Speranza!” terminò a quel punto il Ninja con un sorriso diabolico.
“Si… mi piace… non corriamo alcun rischio e facciamo fare tutto il lavoro sporco a loro…” anche Crocodile era d’accordo con loro.
Ma… mentre continuavano a camminare seguendo l’aura di Goku… “Che bellezza, allora non sono l’unica dell’Esercito ad essere sopravvissuta!”
“Chi ha parlato?” Orochimaru, sentendo quella voce femminile, cominciò a guardarsi intorno per cercare di scorgerne il proprietario… anche l’ex Shicibukai fece come lui, ma nessuno dei due riuscì a vederla.
Cell invece non ebbe la necessità di cercarla… perché aveva capito subito chi era “Guarda che sorpresa… e così sei sopravvissuta alla distruzione della Fortezza Oscura… Malefica!”
Eh si: era proprio la terribile strega ex Generale dell’Esercito, che fece la sua apparizione davanti a loro avvolta dalle fiamme nere e verdi “Ho cercato per un giorno intero in tutti gli angoli degli Universi qualcuno dell’organizzazione che fosse sopravvissuto… e finalmente ho trovato voi!”
“Ah che bello!” esclamò ironicamente l’uomo di sabbia sbuffando: in quel momento erano di fretta e l’unica cosa che ci mancava era quella cavolo di megera.
Intanto Malefica proseguiva “Ho sperato di non essere l’unica ad essere scampata alla morte, in quanto da sola non ho alcuna speranza di vittoria contro di loro… e ora che ho scoperto che anche voi siete vivi, potremo guidare tutti insieme una nuova organizzazione che punti a schiacciare quei piccoli ficcanaso del cavolo… naturalmente a comandare sarò io, visto che voi 3 siete diventati dei miseri Soldati. Forza andiamo, non c’è un minuto da perdere!” detto questo, la strega si girò di spalle e cominciò ad incamminarsi, sicura che gli altri 3 l’avrebbero seguita…
Cosa che non avvenne, visto che nessuno di loro si mosse di un millimetro “Mi sa che quella non ha capito proprio niente…” disse infatti Orochimaru alquanto infastidito dalla sua presenza.
L’ex Generale, accorgendosi che nessuno di loro la stava seguendo, si girò di scatto e disse “Allora? Vi ho detto di seguirmi, questo è un ordine!”
Ma Cell, con un sorriso maligno, fece con un tono molto freddo “Forse non l’hai ancora capito… noi 3 non siamo più membri dell’Esercito, di conseguenza non abbiamo più alcun obbligo verso di te, e non siamo costretti ad obbedire ai tuoi comandi!”
“Cosa?! Luridi traditori, questa non ve la perdono!” con questo grido, Malefica alzò entrambe le braccia e delle fiamme verdi cominciarono ad avvolgerla.
“Ecco, adesso ci mancava anche che questa volesse combatterci…” fece Crocodile sbuffando di nuovo, visto che affrontandola avrebbero rischiato di farsi scoprire.
L’Androide però sapeva cosa fare “Lasciatela a me: la liquido in pochi secondi, così poi possiamo tornare alla nostra missione!”
Non appena Cell si posizionò avanti rispetto ai suoi due compagni, la strega partì in quarta e tentò di colpirlo in faccia con il suo bastone, tuttavia l’ex Generale fu abbastanza veloce da frapporre fra sé e il viso il braccio destro, in modo da parare così l’offensiva avversaria.
“Perché non ti dai una calmata e ci lasci andare? Dobbiamo impedire che gli Universi vengano distrutti!” esclamò l’Androide cercando di farla ragionare sulla priorità del loro pedinamento.
Ma Malefica non aveva alcuna intenzione di arrendersi “Credi di potermi dettare ordini solo perché sei un Cavaliere della Speranza? Te lo puoi scordare!” a quanto pare la donna si era accorta del Cristallo attorno al collo dell’ex Generale.
Subito dopo averlo detto, la strega ritornò distanziata dall’avversaria con un grosso balzo e, sollevando entrambe le braccia, gridò “Vediamo se resisti a queste!” subito dopo, circondata dalle fiamme nere, evocò alle sue spalle una specie di varco oscuro da cui vi uscirono una moltitudine di meteoriti, tutti diretti verso Cell.
Quest’ultimo però, neanche minimamente preoccupato della cosa, sorrise e disse “Senza il potenziamento del Signore Oscuro non puoi sperare di farmi male… e ora te lo dimostrerò. Rooga Fufu Ken!” utilizzando per la prima volta l’attacco di Yamcha, l’Androide cominciò una serie di combo con le mani col quale distrusse tutte le rocce blu che gli erano state lanciate contro dalla donna.
“Impossibile!” lo stupore di Malefica durò ben poco, in quanto l’ex Generale approfittò della combo per finire la strega colpendola allo stomaco con velocissimi colpi a mano aperta. Alla fine del colpo, Cell ritornò al fianco dei suoi due compagni mentre la donna, toccandosi con la mano destra la pancia dolorante mentre sorreggeva il suo bastone con l’altra, sputava sangue dalla bocca.
“Tutto regolare!” si limitò a dire Crocodile vedendo il risultato dell’incontro.
“Era prevedibile che sarebbe finita così!” fece Orochimaru concordando con il compagno.
Invece Cell, vedendo le condizioni della strega, decise di non eliminarla, in quanto non rappresentava un serio pericolo, e anzi decise di proporgli di unirsi a loro “Ascolta Malefica… tu, proprio come noi, sai tutto sul terzo obiettivo dell’Esercito… in questo momento la Resistenza e il Team Tempesta stanno andando ad aprire la Porta del Male, quindi, se non vuoi che accada il peggio, ti consiglio di venire con noi… un aiuto in più non ci farebbe male!”
Tuttavia la strega non aveva nessuna intenzione di collaborare con quei luridi traditori e, sputando ancora sangue a causa della combo subita in precedenza, disse “Io collaborare con voi? Potete anche scordarvelo… non mi interessa se tutti gli Universi verranno distrutti, l’unica cosa che voglio è vendicarmi di quei gruppi di rompiscatole… e ora anche di voi… ricordatevelo bene: il tradimento del Signore Oscuro non resterà impunito. Prima o poi la farò pagare a tutti… è una promessa!” detto questo, la donna creò un varco oscuro alle spalle e vi sparì all’interno di esso.
Mentre il corridoio si chiuse, Crocodile, alzando un sopracciglio, fece “Credeva forse di metterci paura?”
“A quanto pare…” si limitò a dire Orochimaru con un sorrisino sarcastico.
Cell invece, osservando il punto in cui la donna era sparita, chiuse gli occhi e disse “Lei ora come ora non rappresenta una minaccia… il vero problema è l’Incarnazione del Male e la Porta del Male che sta per essere aperta… quindi è meglio muoverci e continuare il pedinamento!”
“Sperando che non abbiano udito i rumori della battaglia!” esclamò però l’ex Shicibukai, che temeva che il gruppo di scocciatori avesse sentito tutto.
Il Sannin però era sicuro che non fosse avvenuto “Ne dubito: eravamo parecchio lontani da loro e Cell ha tenuto il Ki ridotto al minimo per evitare di farsi scoprire, senza contare che non ha ricorso a nessun attacco energetico. In sostanza… io credo che non ci hanno sentito!”
“E dici bene!” aggiunse anche l’Androide, concordando con il Ninja “Stanno ancora proseguendo, di conseguenza non ci hanno udito, altrimenti sarebbero corsi qui seduta stante… forza: è meglio continuare l’inseguimento… sperando che tutto proceda secondo i nostri piani… altrimenti saremo tutti nei guai, nessuno escluso!”

Tuttavia Cell aveva ragione solamente in parte… in quanto Goku aveva percepito un improvviso aumento di Ki dietro di loro e, per questo, aveva voltato immediatamente lo sguardo alle sue spalle mentre proseguiva il cammino con il resto del gruppo *Che strano… chissà cos’era…*
“C’è qualche problema?” Sora, vedendolo voltare la testa dietro di sé, gli chiese se era tutto a posto.
“Nono tranquillo… è solo che ho avuto come la sensazione che l’aura di Cell fosse comparsa all’improvviso a qualche kilometro di distanza…” spiegò il Sayan senza smettere di guardare dietro di sé.
“Cell? Intendi l’uomo lucertola che abbiamo combattuto sull’isola di mio padre?” domandò a quel punto Luffy, riconoscendo il nome utilizzato dall’amico.
“Proprio lui!” confermò Goku.
Però Naruto non era preoccupato minimamente “Ma di cosa hai paura? Lo sappiamo tutti che sia lui che Orochimaru sono ancora vivi… tuttavia nessuno dei due può nulla contro di noi, quindi non dobbiamo stare in allerta per loro!”
“Questo è vero: quasi tutti qui li massacrerebbero all’istante, di conseguenza, se ci attaccano, faranno una brutta fine!” aggiunse però C-18, che non vedeva così male l’idea di poter massacrare Cell.
“Ciò non significa che possiamo abbassare la guardia: se ci prendono di sorpresa potrebbero comunque farci del male, di conseguenza dobbiamo sempre tenere gli occhi aperti!” li mise in guardia Leon ottenendo l’approvazione di tutti: anche se quei due non potevano nulla contro di loro, era comunque meglio stare attenti.
Intanto Nami e Aqua stavano parlando riguardo un fattore non trascurabile “Tu che dici… secondo te l’ultimo Cavaliere della Speranza si farà vedere una volta là come ha detto Luke?” disse infatti la navigatrice alla ragazza.
“Io non so cosa pensare… ma lui sostiene che non c’è da preoccuparsi… e io voglio dargli fiducia!” replicò la Maestra del Keyblade, che nonostante i dubbi voleva credere alle parole del ragazzo.
“In effetti anch’io ho qualche dubbio…” esclamò la rossa aggiungendosi alla discussione “… Però se Luke ha detto che verrà, significa che si presenterà. In fondo finora non ci ha mai mentiti!”
“Vero… ma qualunque cosa dovesse succedere dopo l’apertura della Porta del Male, voglio che tu faccia attenzione Kairi…”
“Tranquilla Maestra, sarai fiera di me!”
E subito le due si scambiarono uno sguardo di intesa: il rapporto maestro/allievo che si era creato tra loro due era qualcosa di incredibile e per questo Nami, vedendole, non poté non sorridere *Sembrano due gocce d’acqua… se non lo conoscessi, direi che potrebbero essere sorelle!*
L’avanzata proseguì per un'altra ora abbondante, finché… davanti a loro cominciò a presentarsi un panorama molto strano: di fronte ai loro occhi c’era una zona in cui il deserto era rimasto lo stesso, mentre il cielo era pieno di nubi oscure che emanavano energia negativa da tutti i pori… sembrava che quel tratto di terra fosse dominato dal male per eccellenza!
“Che posto inquietante, mette i brividi…” commentò C-18 abbastanza stupita da ciò che era davanti a lei.
“Ma perché solo questa zona è circondata dall’oscurità? Non capisco…” domandò Bardak, che non trovava motivo per cui solo quella parte fosse così… diciamo strana.
Fu Aerith a chiarire dubbi “Questo perché la Porta del Male è al suo interno. Seguitemi!” e in un battibaleno lei, Leon, David e Luke entrarono in quella zona circondata dall’oscurità.
Ovviamente gli altri rimasero allibiti su come fossero entrati lì senza alcuna paura e, vedendoli, David alzò la mano e cercò di rassicurarli “State tranquilli: non succede niente se vi entrate dentro!”
“Ehm… ok…” il primo a tentare di varcare quella zona fu Sora che, con un balzo, vi entrò senza subire alcuna ripercussione “Ehi, aveva ragione, non succede niente…”
Vedendo il Prescelto dal Keyblade non subire nessun danno, a poco a poco tutti quelli rimasti penetrarono in quella zona coperta di nubi oscure e, tutti insieme proseguirono l’avanzata all’interno di quell’area malvagia… finché…
“Ecco ci siamo… signore e signori… ecco a voi… la Porta del Male!” esclamò alla fine Luke indicando a tutti qualcosa che stava di fronte a loro… essa non era altro che un enorme portone bianco bordato di grigio a doppia apertura, la cui sola altezza mostrava un imponenza assurda, e che aveva attorno alla sua serratura 10 buchi piccoli.
“Oooooohhhhhhh!” questo fu il commento di quasi tutti, che erano rimasti meravigliati alla vista di quella porta tanto maestosa e al tempo stesso così misteriosa… finalmente erano arrivati davanti a quella che la Leggenda descriveva come la prigione delle Creature dell’Oscurità e del Signore del Male, ma che in realtà era solo l’unico modo per ripristinare le barriere degli Universi… la Porta del Male!

“Oh no!” esclamò all’improvviso Cell allarmato fermandosi di scatto.
“Che cosa succede?” domandò immediatamente Orochimaru fermandosi insieme all’ex Shicibukai.
L’Androide disse semplicemente “… Si sono fermati!”
”Ciò significa… che sono arrivati di fronte alla Porta del Male!” suppose a quel punto Crocodile.
“Presto, muoviamoci!” gridò infine Cell, capendo che non c’era un minuto da perdere e che dovevano intervenire per spiegare a quei gruppi di scocciatori la realtà delle cose e mostrare loro come lui fosse una delle reincarnazioni dei Cavalieri della Speranza.

“E’ davvero maestosa!” fece Nami meravigliata da ciò che era davanti ai suoi occhi.
“Anche per noi è una sorpresa… non l’abbiamo mai vista direttamente!” commentò anche Aerith rivolta all’amica.
“Quindi è questa la porta che ci permetterà di ristabilire l’ordine in tutti gli Universi…” commentò Luffy anche lui sbalordito.
L’unico che non sembrava tranquillo era Goku… non sapeva perché, ma sentiva che c’era qualcosa che non andava *Percepisco un enorme presenza oscura nella zona… e non si tratta di Cell… cosa potrebbe essere?...*
“Ehi, guardate lì!” Sora, notando qualcosa intorno alla serratura, la indicò affinché tutti ci posassero gli occhi.
Leon, vedendoli, colmò il suo quesito rispondendo “Quelli sono i buchi in cui bisogna inserire i Cristalli!”
“Eh?!” il Prescelto dal Keyblade, così come Naruto, Goku e Luffy, aveva storto il naso a quell’affermazione del Leader della Resistenza.
Squall, sapendo che non avevano capito, continuò dicendo “In pratica in quei buchi si inseriscono i vostri oggetti, poi li si gira a 180 gradi verso destra e, una volta che hai fatto lo stesso procedimento con tutti, la serratura di sblocca e la Porta del Male si potrà aprire!”
“Quante complicazioni per aprire una cavolo di porta!” commentò Bardak leggermente scocciato per tutto quello che bisognava fare per una stupida serratura.
Visto che tutto era stato chiarito, Luke propose di non perdere ulteriore tempo “Direi di aprirla immediatamente, in modo da ripristinare le barriere e mettere la parola fine a tutto questo!”
“Si, direi di procedere!” concordò David sollevando per metà il braccio con il pugno chiuso: finalmente l’incubo sarebbe finito… dovevano solo aprire quella porta.
A quel punto l’Hitari maggiore, raggiungendo le altre reincarnazioni dei Cavalieri della Speranza, chiese gentilmente loro “Potreste darmi i vostri Cristalli? Così sbloccherò la serratura!”
“Certo, tieni!” la prima a consegnarglielo fu C-18, la seguirono Goku, Naruto, Sora, Kairi, Luffy, Nami e David.
Non appena li ebbe tutti in mano, il bruno girò le spalle ai suoi compagni e arrivò esattamente davanti all’immensa Porta del Male… rimase per un secondo a contemplare la sua maestosità… il momento era finalmente giunto *Da adesso… gli Universi saranno in pace!*
“Direi di sbloccare subito la serratura!” propose allora Aqua, distogliendo il ragazzo dai pensieri che aveva.
“Eh? Oh si giusto, meglio procedere subito!” cancellando i pensieri che aveva in testa, Luke inserì piano piano tutti i 9 Cristalli all’interno delle fessure e fece far loro un giro a 180 gradi a destra “Sorate… Namizu… Naruteo… Mana… Gokuro… Kaira… Lukade… Luffycle… Davilide…” finalmente il giovane terminò il tutto facendo girare anche l’ultimo oggetto inserito.
“Ottimo, tutti e nove sono al loro posto!” esultò Naruto con un sorriso.
“Però… manca sempre l’ultimo…” fece notare però Bardak.
Aerith gli dette ragione “E’ vero, senza di esso non riusciremo mai ad aprirla… speriamo solo che Luke abbia ragione a questo proposito!”
Fu proprio il ragazzo che, girandosi verso di loro, gli disse “Non preoccupatevi… tra poco l’ultimo Cavaliere della Speranza verrà qui…”
Tuttavia Kairi cominciava a nutrire qualche dubbio “Ma come fai a dirlo? Non capisco…”
Luke però non le dette ascolto… infatti, alzando lo sguardo verso il cielo, si limitò a dire “3… 2… 1…”
“FERMI TUTTI!”
Con un grido improvviso che fece sobbalzare quasi tutti, Cell raggiunse il luogo dove si trovavano tutti con un enorme balzo, posizionandosi esattamente di fronte al gruppo di combattenti per la libertà “Che nessuno faccia un solo passo in più!”
Qualche secondo più tardi anche Crocodile e Orochimaru raggiunsero il loro compagno mettendosi al suo fianco “Vi consiglio di rimanere al vostro posto e di non fiatare!” fece infatti il Sannin con un sorrisino sul volto.
Ovviamente nessuno prese bene il loro arrivo improvviso “Cell!” dissero infatti in coro Goku e C-18 stringendo i pugni: non avevano gradito l’arrivo dell’Androide.
“Orochimaru!” invece Naruto digrignò i denti alla vista dell’uomo che aveva portato via Sasuke da Konoha.
Luffy, al contrario degli altri, rimase semplicemente sorpreso di vedere l’uomo di sabbia tra di loro “Crocodile? Ma Sakura non ti aveva ucciso?” domandò infatti il ragazzo di gomma.
L’ex Shicibukai, con un sorriso sarcastico, rispose “Ti sarebbe piaciuto eh? In verità ho solo perso i sensi per quasi tutto il giorno… anche se ci è mancato davvero poco, visto tutto il sangue che ho perso a causa dell’Haruno!”
Luke invece, vedendo l’arrivo dei 3 nemici, pensò *Proprio come immaginavo…*
“Bando alle ciance, che diavolo volete da noi?” esclamò Leon, irritato che i sopravvissuti dell’Esercito fossero arrivati ad interrompere un momento tanto importante.
“Ne volete prendere altre? Basta solo chiedere!” fece invece David con un sorriso sarcastico.
Nessuno dei 3 però si scompose davanti alle minacce della Resistenza e dell’ex Team Tempesta, infatti Cell prese la parola e disse “Avete frainteso tutto, non siamo qui per combattere… siamo qui semplicemente per impedirvi di commettere una pazzia!”
“Pazzia? Guarda che aprendo la Porta del Male ripristineremo le barriere degli Universi, forse è una pazzia per te, ma non per noi!” intervenne a quel punto C-18 quasi gridando: non sopportava la vista di quel maledetto Androide.
L’ex Generale, con un sorrisetto, proseguì dicendo “Allora è questo che pensate, che ripristini le barriere di tutti gli Universi… tuttavia per farlo dovete avere tutti e 10 i Cristalli… beh guardate un po’ qui!” a quel punto lui indicò qualcosa che era legata intorno al suo collo e…
“Un Cristallo?!” tutti, a parte Luke, rimasero a bocca aperta e letteralmente senza parole… Cell… era una delle reincarnazioni dei Cavalieri della Speranza?! Ma che…
“No, non è possibile…” Goku aveva gli occhi strabuzzati dallo stupore.
Ma anche altri come Kairi non erano da meno “Lui uno di quei guerrieri leggendari… incredibile!”
“Ma com’è possibile? Loro sono guerrieri di pura luce, mentre tu sei un essere oscuro… e anche un Androide. Come è potuto accadere che tu fossi una delle loro reincarnazioni?” domandò Leon, che era tra i più scioccati di tutti.
L’ex Generale rispose sinceramente “A dire il vero non lo so neppure io… fatto sta che lo sono, che vi piaccia o no!”
“Che risvolto ironico…” commentò Bardak con delle risate sarcastiche.
“Adesso basta parlare…” Luke, stufo di quei discorsi, si frappose tra il gruppo di combattenti per la libertà e i 3 nemici con un balzo e, ponendo avanti la mano destra, disse “Consegnami il Cristallo immediatamente… e forse ti lascerò vivere!”
Naturalmente, alla richiesta del ragazzo, sia Cell che Crocodile e Orochimaru scoppiarono a ridere sonoramente: se credeva che fosse così semplice togliergli di dosso quell’oggetto si sbagliava di grosso “Scordatelo: non saremo complici di una simile incoscienza!”
“Ma perché dite che è un incoscienza? Perché mirate ancora alla conquista degli Universi? Se è così allora rinunciatevi: i miei amici sono troppo forti per voi e vi schiacceranno in men che non si dica!” intervenne allora Aerith, che come l’Hitari maggiore stava cominciando a perdere la pazienza.
“Semplicemente perché aprendola vincerebbe l’Incarnazione del Male, cosa che non vogliamo assolutamente!” a rispondere fu Crocodile, ma questo bastò per destare confusione nella mente di tutti i combattenti per la libertà.
“Ma di cosa state parlando? L’Incarnazione del Male è morta!” disse infatti Aqua, sapendo che Xehanort era acqua passata.
Cell a quel punto non riuscì a trattenere una sonora risata: aveva capito a chi si riferivano… e stavano sbagliando di grosso! “Il Signore Oscuro era molto forte… ma di certo non era lui l’Incarnazione del Male!”
“Come?!” nuova notizia che lasciò a bocca aperta di nuovo quasi tutti… cosa voleva dire che non era Xehanort quel guerriero malvagio? Eppure aveva tutte le carte in regola… cosa diamine stava succedendo?
“E’ questa la verità, e infatti lui aveva un terzo obiettivo sconosciuto a tutti, ma che in realtà era…” stavolta l’Androide non terminò di parlare: Luke, stufo di tutti quei discorsi, aveva mollato un potente calcio all’ex Generale mandandolo al tappeto qualche metro lontano da lui.
“Tutte queste chiacchiere mi hanno stufato… consegnami il Cristallo e sparisci dalla mia vista!” esclamò infatti l’Hitari maggiore con uno sguardo a dir poco feroce.
Orochimaru e Crocodile si ritrovarono spiazzati da quel gesto: non l’avevano previsto “Ecco un dettaglio che avevamo trascurato…” esclamò infatti il Sannin.
L’ex Shicibukai invece, preparando il coltello che aveva conficcato sulla mano sinistra al posto dell’uncino, disse “Sembra che il tempo delle chiacchiere sia finito…”
“Vogliono attaccarci!” Nami aveva capito subito cosa volevano dire le parole dell’uomo.
“E allora contrattacchiamo anche noi!” con questa semplice risposta, David tirò fuori la sua spada e caricò immediatamente l’aura oscura.
“Volete combattere? Come volete. Tecnica dell’Ombra della Serpe!” con quest’attacco, Orochimaru sparò da entrambe le sue braccia dei serpenti che si diressero velocemente contro tutti… anche se vennero tutti tagliati immediatamente da un fendente dell’Hitari minore.
“Niente da fare, serpe!” si limitò a dire il ragazzo.
“Non credere che sia fini…”
“Dicevi?!” con un balzo fulmineo, Naruto si portò alle spalle del Sannin e, attivando il chakra della Volpe a Nove Code, lo schiantò a terra immobilizzandolo sia per le braccia che per la schiena “E ora sta fermo!”
Il Ninja cominciò a dimenarsi per liberarsi “Lasciami andare, ragazzin…” anche se poi si ritrovò una lama puntata dritta sulla testa…
Ovviamente era di David la spada “Concordo con lui: non muoverti e lasciaci proseguire!”
“E ti pareva che veniva messo al tappeto, stupido id…” Crocodile non ebbe neanche il tempo di fare la prima mossa che Luffy, allungando il suo braccio, l’aveva già immobilizzato “Ehi, ma come…”
“Ora sta fermo coccodrillo… ormai so usare l’Haki perfettamente, quindi una mossa e sei finito!” lo minacciò il ragazzo dal cappello di paglia, che non aveva alcuna voglia di combattere in quel momento.
L’ex Shicibukai ci rimase male quando scoprì che ora sapeva controllare l’Ambizione *Ecco, ci mancava anche questa… la situazione ci sta sfuggendo troppo di mano…*
“Però, ci è voluto davvero poco per metterli KO!” commentò Nami non molto stupita mentre Kairi, C-18 e Aqua annuivano.
Dall’altra parte Cell, dopo la batosta subita da Luke, si era rialzato in piedi con un balzo e guardava il ragazzo con occhi carichi di odio “Cos’è, sei stanco di farti battere?” lo provocò il bruno con un sorrisetto.
A quel punto l’Androide non ci vide più dalla rabbia e si lanciò contro di lui tentando un pugno… tuttavia l’Hitari maggiore non solo lo schivo, ma, prendendogli il braccio con cui aveva tentato il colpo, lo immobilizzò a terra con una presa di sottomissione per evitare che si muova “Ecco, così sei inoffensivo!”
“Maledetto…” l’ex Generale si dimenava nel tentativo di liberarsi… ma la presa era troppo forte.
“E ora prenderò il tuo Cristallo… così finalmente potremo aprire la Porta del Male!” con la mano sinistra, che aveva ancora libera, tolse l’oggetto dal collo dell’Androide.
“Ehi Luke, passa qui!” Sora, approfittando delle “battaglie”, si era portato di fronte alla Porta del Male e stava facendo segno al giovane di lanciarli il Cristallo, in modo che potesse infilarlo nel buco e sbloccare la serratura.
“A te amico!” l’Hitari maggiore, senza farselo ripetere due volte, lanciò l’oggetto dritto verso il bruno.
Il Prescelto dal Keyblade lo prese al volo con un piccolo salto “Perfetto, ora…” e immediatamente si girò per poterlo inserire nella fessura, ma…
“NON FARLO IDIOTA, CI CONDANNERAI TUTTI!”
“NON DAR RETTA A QUESTO STRONZO E APRILO!”
“STAI FERMO E NON TI MUOVERE, ANCHE SE SONO TUO NEMICO NON STO MENTENDO: APRENDOLA DISTRUGGERAI TUTTI GLI UNIVERSI!”
“TACI!” Luke, vedendo l’insistenza di Cell, mise più forza nella sua presa per zittirlo: non gradiva delle intromissioni in momenti così importanti.
Tuttavia le parole dell’Androide fecero comunque il loro effetto… visto che bloccarono Sora ad un passo dall’inserire il Cristallo nel buco… nonostante fosse un malvagio, le sue parole facevano trasparire della verità… doveva dargli retta e andarsene o ascoltare il suo amico e aprirla? *Oddio… che cosa faccio?...*
“Aprila e non preoccuparti!” fu Goku ad intervenire “Nel caso ci siamo sempre tutti noi, stai tranquillo!”
Le sue parole furono poche ma dirette… in quanto convinsero il bruno “Ok!” annuendo dopo aver detto queste parole, Sora agì e, molto velocemente, inserì l’oggetto nella fessura rimasta e gli fece fare un giro di 180 gradi a destra…
Non appena lo ebbe fatto, una misteriosa luce dorata cominciò a circondare ogni fessura della costruzione e una specie di onda d’urto fuoriuscì da sotto la porta… quello era un segno inequivocabile che la serratura della Porta del Male era stata aperta!

“E’ sbloccata!” commentò Aerith proteggendosi la faccia dall’onda d’urto generata dallo sbloccamento della porta.
“Ottimo, adesso è tutto finito!” esclamò invece Leon con un sorriso sulle labbra: ci erano voluti parecchi anni… ma ora la pace sarebbe tornata in tutti gli Universi!
Ma, mentre la Resistenza e l’ex Team Tempesta sorrideva in un modo o nell’altro per l’evento, i 3 malvagi erano tutto fuorché felici… anzi, guardavano la Porta del Male con terrore puro! “Che cosa avete fatto…” sussurrò l’Androide, sapendo che cosa sarebbe successo realmente da lì in poi…
Però… in mezzo a tante facce sia felici che preoccupate… c’e n’era una che non era nessuna delle due opzioni… il personaggio in questione, dopo aver mollato la presa dal nemico che teneva inchiodato a terra, si era alzato in piedi e aveva cominciato ad incamminarsi verso la Porta del Male con sguardo quasi perso nel vuoto e le braccia aperte…
Ovviamente i suoi amici cercarono di capire cosa ci fosse che non andava “Ehi Luke… perché fai quella faccia? Fai quasi paura…” ammise infatti Aerith guardando l’amico.
“Mah, chissà che gli sarà preso…” fece invece David stranito mentre Bardak guardava l’Hitari maggiore con molto sospetto.
Sora nel frattempo si era allontanato dalla Porta del Male, il quale emanava una luce abbagliante dai bordi e sembrava che potesse aprirsi da un momento all’altro “Mette i brividi…”
Ad un certo punto però Luke, arrivato alle spalle del Prescelto dal Keyblade, utilizzò la mano sinistra per prendere la faccia del giovane e spostarlo violentemente “Levati dai piedi!” disse mentre compiva tale gesto.
Sora naturalmente cadde a terra, ma senza farsi alcunché per fortuna. Rialzatosi in piedi con uno scatto, domandò al ragazzo “Ma che diamine fai? Perché mi hai spinto?”
Luke non lo ascoltò nemmeno… sembrava come rimasto incantato da quando la serratura era stata sbloccata… infatti, arrivato proprio di fronte all’enorme porta, alzò ancora di più le braccia al cielo e farfugliò parole senza senso “Grazie… grazie a tutti… finalmente la mia attesa di 10 anni è finita… il mio sogno si è realizzato!”
“Ma di che diavolo sta parlando?” domandò infatti Goku non capendo a cosa stesse alludendo. Leon non sapeva spiegarselo “Non capisco… che cosa sta dicendo?”
Nel frattempo anche Naruto, David e Luffy avevano mollato le prese dai loro nemici e si erano avvicinati a tutti i loro compagni.
“Si sta comportando in maniera strana…” ammise il ragazzo dal cappello di paglia.
“Già… sembra quasi un'altra persona…” fece anche Naruto guardando sospettoso Luke, che voltava le spalle a tutti nessuno escluso.
Invece Aqua, con la mano destra che toccava il suo mento, esclamò “Non lo so… per me c’è qualcosa che non va…”
“Ma non l’avete ancora capito?!” intervenne all’improvviso Cell, affiancato da Crocodile e Orochimaru, attirando immediatamente l’attenzione di tutti, compreso l’Hitari maggiore che voltò lo sguardo verso di lui e fece un ghigno maligno.
“Che cosa non abbiamo ancora capito?” domandò a quel punto Nami all’Androide.
Così quest’ultimo, in collera con loro per ciò che avevano fatto, decise di svelare a tutti la tremenda verità del più grande segreto di tutti gli Universi, nonché il terzo obiettivo dell’Esercito “Tutto quello che è avvenuto da 10 anni fino ad adesso è stato ordito segretamente da lui. Persino Xehanort sapeva la minaccia che rappresentava, e ha istituito l’Esercito sia per conquistare gli Universi che per ucciderlo con le sue mani… e questo perché… Luke è… è…”

5 Giorni prima degli Eventi Narrati:
“… Sai mantenere un segreto?”
“Le mie labbra sono cucite!”
“Bene… stai per venire a conoscenza del motivo principale per cui ho creato l’Esercito… e del perché gli Universi sono collegati tra di loro…”
“Avanti, non mi tenga sulle spine Signore Oscuro…” Barbanera non vedeva l’ora di capire il terzo obiettivo dell’Esercito…
Xehanort, dopo aver tirato un sospiro, proseguì dicendo “Innanzitutto ti ricordo i motivi per cui ho creato l’organizzazione… il primo, e l’unico raggiunto, era sopprimere Terra e Master Xehanort che continuavano a lottare dentro di me provocandomi dolori lancinanti…”
”E’ per questo che aveva continui mal di testa?”
Il Leader si limitò ad annuire e continuò “Poi il secondo è quello che tutti conosciamo, ossia creare la Dittatura Militare Universale… mentre il terzo obiettivo… è l’eliminazione di Luke!”
“Eh?!” ovviamente il pirata ci rimase di stucco nello scoprirlo “Cioè… vorreste dirmi che ha fatto tutto questo casino… solo per eliminare quel moccioso?”
“E’ così… beh naturalmente tu non puoi sapere la verità, quindi non mi stupisco della tua reazione…”
“E allora qual è la verità? E spero che sia convincente… perché questa nuova cosa non mi è piaciuta per niente!” in effetti Teach non gradiva che il terzo obiettivo segreto dell’organizzazione fosse l’eliminazione di quel ragazzo.
Il Leader dell’Esercito, capendo cosa provava il pirata, continuò dicendo “Vedi… nei ricordi di Master Xehanort… e su una delle parti mancanti della Leggenda… ho visto la verità sul suo conto… e so per certo che lui è il male per eccellenza… se hai capito a cosa mi riferisco…”
“Si, credo di aver capito…” si limitò a dire il pirata.
“Bene. Devi sapere che io, in qualità di discendente del più grande Maestro di Keyblade della storia, mi sono prefissato l’obiettivo di conquistare tutti gli Universi e sottometterli al mio volere… ma purtroppo dovevo anche tenere conto di lui… e per questo ho istituito l’Esercito: per avere più seguaci possibili quando sarebbe stato il momento di ucciderlo. All’inizio non davo molto peso a questa cosa in quanto lui era nell’organizzazione… ma poi, inspiegabilmente, ci ha abbandonati, e lì ho capito che ucciderlo sarebbe stato più duro del previsto…”
“Ma scusi, perché ha voluto che fosse uno dei membri fondatori dell’Esercito? Magari se non lo chiamava non sarebbe neanche mai venuto a conoscenza di noi!”
“Vorrei che avessi ragione… purtroppo i miei obiettivi e i suoi sono contrastanti, per questo prima o poi saremmo finiti per scontrarci, come avvenuto la scorsa settimana!”
Barbanera piano piano stava capendo tutto… ma c’era ancora una cosa che non aveva chiaro “Un ultima cosa… perché ha tenuto segreto a tutti che il motivo principale per cui ha creato l’organizzazione era l’eliminazione di Luke?”
Xehanort gli rispose subito “Questo perché lui, secondo la Leggenda, deve portare la distruzione degli Universi… e l’ultima cosa che voglio è il panico tra i pesci piccoli dell’Esercito… il nostro obiettivo primario rimarrà sempre l’instaurazione della Dittatura Militare Universale… ma per riuscirci dobbiamo per forza adempiere al terzo obbiettivo: uccidere quel ragazzino, e impedire anche il risveglio dei Cavalieri della Speranza, che quel moccioso potrebbe sfruttare a suo favore. Solo allora nessuno potrà più sbarrarci la strada…”
Barbanera, avendo capito tutto, si limitò a dire “Ora comprendo… beh, se la può rassicurare, per me sarà un piacere ucciderlo quando sarà il nostro momento…”
Sentendo quelle parole, il Signore Oscuro sorrise e disse “Grazie Teach, lo apprezzo molto…”

3 Giorni prima degli Eventi Narrati:
“Ma di cosa state parlando?”
“Preparati Malefica… perché stai per venire a conoscenza del più grande segreto di tutti gli Universi, che è anche il motivo per cui ho deciso di creare l’Esercito…”
“Ossia?” fece la strega, desiderosa di sapere cosa gli stavano nascondendo.
“… Esso… è l’eliminazione di Luke!”
“Eh?!” Malefica ci rimase di sasso non appena lo scoprì.
Vedendola, Barbanera sorrise e disse “Ho avuto la tua stessa reazione credimi… ma ti posso assicurare che c’è un motivo ben preciso se il Signore Oscuro mira a questo!”
“E sarebbe?” domandò di nuovo la donna ad entrambi.
Fu il Leader dell’Esercito a risponderle “Quel ragazzo rappresenta un serio pericolo… ma non solo per noi, anche per tutti gli Universi… e questo perché è il male per eccellenza!”
“Intendete quello citato nella Leggenda?” chiese di nuovo la strega.
“Esattamente!” le disse Teach.
Intanto Xehanort proseguiva “Se tutto ciò che c’è scritto è vero, lui porterà la distruzione di tutti gli Universi non appena sarà aperta la Porta del Male grazie al potere dei Cristalli dei 10 Cavalieri della Speranza… e se ciò dovesse accadere, tutti i nostri piani andrebbero in fumo. Per questo ho creato l’Esercito: oltre che per conquistare gli Universi, perché mi servivano dei seguaci capaci in grado di uccidere il ragazzo, visto che, grazie alla sua “carne”, per lui un anno di allenamento equivale a 10 anni normali… io avevo l’occasione di eliminarlo più di una settimana fa… e sono stato idiota a non approfittarne…” dopo queste parole, l’essere malvagio si era toccato la fronte con la mano destra, riconoscendo il suo errore.
“Però… se Luke è davvero lui… perché sta con la Resistenza e il Team Tempesta?” domandò a quel punto Malefica, visto che non capiva quel piccolo particolare.
Ma non era neanche l’unica “In effetti neanch’io so questo…” fece infatti Barbanera.
A quel punto Xehanort decise di colmare anche quel loro dubbio “Sono sicuro che si è unito a loro perché sa che, finché la Porta del Male non verrà aperta, gli ci vorrà parecchio allenamento per diventare abbastanza forte da potermi battere… e di conseguenza si è unito a quei gruppi di scocciatori facendo credere loro che l’unico nemico ero io… e scommetto che non appena ci avranno eliminati, Luke li convincerà ad aprire la Porta… portando a termine così i suoi progetti…”
A quel punto la strega fece una faccia mista tra lo stupito e il spaventato “Adesso comprendo appieno le vostre preoccupazioni… ma la Resistenza e il Team Tempesta se ne accorgeranno mai secondo lei?”
“Ne dubito fortemente!”
“Dice il vero: la loro mente è annebbiata in questo momento in quanto pensano solo alla nostra sconfitta, e quando si accorgeranno della verità sarà troppo tardi!”


“… LUKE E’ L’INCARNAZIONE DEL MALE!!!!”

Eventi PrincipaliModifica

  • Gli ex prigionieri della Macchina Assorbi Energia e i Rivoluzionari ritornano nel loro Universo.
  • Le reincarnazioni dei Cavalieri della Speranza insieme a Leon, Aerith, Bardak e Aqua partono per raggiungere la Porta del Male.
  • Cell, Crocodile e Orochimaru li pedinano, ma vengono raggiunti da Malefica sopravvissuta che tenta di convincerli ad unirsi a lei.
  • Cell sconfigge Malefica e la strega se ne va dichiarando vendetta.
  • Il gruppo arriva di fronte alla Porta del Male e si prepara ad aprirla, quando Cell, Crocodile e Orochimaru arrivano a fermarli.
  • Il gruppo mette fuori combattimento i 3 traditori dell'Esercito e apre la Porta del Male.
  • Luke, dopo quell'evento, si comporta in maniera strana e Cell rivela che è lui l'Incarnazione del Male.

Personaggi ApparsiModifica

Son Goku

Son Gohan

Vegeta

C-18

Monkey D. Luffy

Nami

Sanji

Roronoa Zoro

Naruto Uzumaki

Sasuke Uchiha

Sakura Haruno

Riku

Kairi

Squall Leonhart

Yuffie Kisaragi

Bardak

Axel

Aqua

David Hitari

Luke Hitari

Cid Highwind

Tifa Lockhart

Aerith Gainsborough

Chiara Yutani

Kakashi Hatake

Sora

Inazuma

Emporio Ivankov

Monkey D. Dragon

Videl

Marron

Paolino Paperino

Pippo

Sai

Shikamaru Nara

Ino Yamanaka

Rock Lee

Choji Akimichi

Re Kaioh

Nefertari Bibi

Cell

Crocodile

Orochimaru

Malefica

Marshall D. Teach

Xehanort

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale