FANDOM


Capitolo 24
Capitolo 24.jpg
Nome Capitolo 24
Postato il 12 Aprile 2011
Titolo Davanti alla Fortezza Oscura! L'Incontro!!


Il Capitolo 24 intitolato Davanti alla Fortezza Oscura! L'Incontro!! è il Ventiquattresimo Capitolo della prima serie della Fan Fiction.

CapitoloModifica

Prima di tornare a vedere cosa è successo alla Fortezza Oscura e come stava andando la battaglia, torniamo nell’Universo di Mezzo, più precisamente al Quartier Generale della Resistenza… cosa stavano facendo gli unici 4 rimasti lì mentre gli altri combattevano?
Cid era intento ad analizzare sul supercomputer i fiori trovati da Nami e Aerith, quest’ultima e Chiara stavano cucinando in attesa del ritorno dei loro compagni e Yuffie stava giocando con la Playstation a Ultimate Mundial… e stava pure vincendo 30 a 0.
Ad un certo punto però l’uomo si alzò di scatto dalla sedia e gridò “NON E’ POSSIBILE!”
Il grido naturalmente attirò l’attenzione delle 3 ragazze che accorsero subito “Cosa succede Cid?” domandò Yuffie.
“Ho appena terminato le analisi sui fiori dell’Universo di Mezzo e… beh leggete voi stesse!” l’anziano si spostò per dare la possibilità alle amiche di leggere sullo schermo.
Lessero con molta attenzione e… non credettero ai loro occhi “Impossibile!” gridò quasi la Ninja.
“E invece è tutto vero!” la contraddì Cid abbassando la testa.
“M-Ma… se ciò che c’è scritto è vero… significa che…”
“… che a generare i fiori è stato qualcuno con l’aura oscura!”
Chiara concluse la frase di Aerith: entrambe stavano per dire la stessa cosa; però il concetto non cambiava: i fiori erano stati creati con l’uso dell’aura oscura.
“Però… da quanto so Luke e David sono gli unici in grado di usare quel potere!” cercò di intervenire la Kisaragi che non ci capiva più niente.
“… Non è del tutto esatto Yuffie… c’è un’altra persona in grado di usare quel misterioso potere!” ribatté Chiara correggendo l’amica.
Stavolta fu Aerith a continuare la frase della compagna “Già… il Signore Oscuro in persona!”
Un silenzio tombale invase la stanza: la nuova scoperta aveva lasciato tutti di sasso, come potevano quei fiori essere generati da un aura oscura? E, se il Signore Oscuro era davvero dietro a tutto quello… perché l’aveva fatto?
I loro pensieri furono interrotti dalla porta d’ingresso che venne aperta violentemente, talmente violentemente che sbatté contro il muro generando un rumore che spaventò quasi i 4 abitanti: non stavano aspettando nessuno, quindi chi poteva essere?
“Finalmente vi ho trovati… mi ci sono voluti 2 anni, ma vi ho trovati!”
I 4 si girarono e videro sull’uscio della porta una ragazza con lunghi capelli neri, gli occhi neri, un paio di orecchini azzurri, una maglietta nera e una gonna nera di pelle con due nastri neri legati alle due gambe; Aerith la riconobbe subito “Tifa?! Ma cosa ci fai qui? Ti credevamo morta!”
“Ma quale morta. Mi avete mollata alla Città di Mezzo e vi siete trasferiti qui, ecco la verità!” esclamò la ragazza chiamata Tifa avvicinandosi al gruppo.
“Non stiamo mentendo, te lo giuriamo. Luke e David ci avevano riferito che il Signore Oscuro ti aveva uccisa mentre loro due combattevano contro il Generale Cell!” intervenne stavolta Chiara.
“Il Signore Oscuro?” Tifa non capiva molto di quello che diceva… o almeno prima di ricordare “Ah già quella battaglia… ero così incavolata con voi che me ne sono dimenticata!”
“E allora ci puoi spiegare perché sei ancora viva?” domandò Yuffie.
“Beh è semplice: tutti vi ricordate che 2 anni fa vivevamo tutti insieme nella Città di Mezzo giusto? E che in quel periodo siamo venuti a conoscenza che il Signore Oscuro e il Generale Cell erano in zona per reclutare nuovi membri dell’Esercito? In poche parole: io, Luke e David abbiamo teso un agguato ai 2 appena fuori dalla Città e, quando abbiamo tentato di attaccare quel maledetto Leader, Cell si è messo davanti a noi, così i 2 hanno affrontato la lucertola e io ho rincorso il Signore Oscuro… beh, ho provato a contrastarlo, ma mi ha stracciata letteralmente. Ha anche tentato di ammazzarmi, ma per fortuna ho usato un fumogeno e mi sono nascosta dietro un albero, ma lui mi ha rintracciata subito e ha sparato una magia Firaga potentissima. Tutta la zona in cui ha lanciato il colpo è andata a fuoco e io mi sono salvata per un pelo… ma lui ha creduto di avermi fatto fuori!”
Dopo la spiegazione, Cid intervenne “Ah, ora si spiega tutto: mentre tu combattevi contro il Signore Oscuro, Luke e David sono stati stracciati anche loro da Cell, ma grazie a un fumogeno di David sono sfuggiti all’Androide e hanno azzerato la loro aura per far perdere le tracce. Ci hanno raccontato che lì è arrivato il Signore Oscuro dichiarando di averti uccisa e, appena se ne sono andati, Luke e David sono tornati alla nostra vecchia base e ci hanno raccontato della tua morte…”
“… che non c’è mai stata. Quando sono guarita e sono tornata alla Città di Mezzo, voi non c’eravate più e mi ci sono voluti 2 anni per ritrovarvi!” concluse Tifa.
“Ma come sei riuscita a raggiungerci? Alcune porte sono in luoghi impossibili da raggiungere senza l’attrezzatura adeguata!” domandò la Yutani.
“Non è stato semplice: sapendo che eravate diretti all’Universo di Mezzo, come concordato da tempo, prima sono passata dalla Porta della Città di Mezzo che mi ha portata su un pianeta altamente tecnologico; ho dovuto vivere 2 anni in quell’Universo perché non riuscivo a trovare quel dannato cancello. Alla fine sono riuscita a trovarlo all’interno di una grotta su un pianeta chiamato Yardat, sono arrivata nell’Universo di Mezzo e… eccomi qui!” terminò di raccontare la ragazza dai capelli neri.
“Ecco perché sei stata via per 2 anni nonostante non fossi mai morta!” affermò infine Yuffie.
“Comunque sono felice che stai bene amica mia!” disse Aerith abbracciando l’amica, felice di poterla finalmente rivedere avendola creduta morta.
“E io sono felice di rivedere tutti voi. Ora che so la verità non mi sento più arrabbiata con voi… spero non vi dispiaccia se rimango qui con voi!”
“Ma certo Tifa, fermati tutto il tempo che vuoi!” rispose Chiara.
“Grazie mille!” concluse Tifa con un inchino… subito dopo però notò qualcosa di strano… mancava qualcuno “Scusate… ma che fine hanno fatto Cloud, Leon, Luke e David?”
“Beh… sono andati alla Fortezza Oscura per uccidere il Leader dell’Esercito e recuperare due idioti che si credono invincibili!” rispose velocemente Cid.
“COSA? MA SONO PAZZI?”
“Calmati Tifa. In questo momento con loro ci sono ben 16 persone, tra cui il Re, Goku, Luffy, Naruto e Sora; sono sicura che riusciranno a sconfiggere il Signore Oscuro e a tornare qui entro stasera!” intervenne Yuffie positivamente.
La ragazza dai lunghi capelli neri però non sembrava felice del fatto… in quel momento stavano affrontando il Signore Oscuro in persona… e non era una bella cosa “Vi sbagliate… vi sbagliate molto…” Tifa si sedette sul divano di destra toccandosi la testa come a segnalare la disperazione del momento “… loro… verranno uccisi tutti!”
“Non ti sembra di esagerare… in fondo sono 20 contro uno!”
“Voi non potete saperlo… non ci avete combattuto contro… vi posso assicurare… che il Signore Oscuro è un essere dal potere sovrumano… c’è un motivo se molti malvagi hanno accettato di unirsi all’Esercito senza aver stipulato un patto… purtroppo… quel mostro… è l’uomo più potente di tutti e 5 gli Universi!”
Tifa sembrava essere davvero sincera… era davvero così elevata la potenza del Signore Oscuro?

“Allora, non sapete fare di meglio?”
Ormai soltanto uno scontro era ancora in corso: quello di Zoro e Riku contro Orochimaru… e i due membri della Resistenza sembravano veramente in svantaggio.
“Aspetta e vedrai!” lo spadaccino, che stava usando tutte e 3 le spade di cui disponeva, unì le due che aveva in mano cominciando a farle roteare… finché “Tremila Mondi!” con grande velocità il pirata tagliò in due parti il Sannin apparentemente uccidendolo.
“… Non so se basta un colpo del genere!” esclamò Riku sicuro che l’avversario era ancora vivo… infatti, dalla bocca del Ninja, fuoriuscì il vero Orochimaru mentre quello tagliato in due sparì rivelandosi soltanto una copia.
“E’ inutile che tentate di uccidermi… non ci riuscirete mai!”
Zoro non sembrava particolarmente felice della notizia *Come posso uccidere qualcuno… che non può essere ucciso?*
Invece il ragazzo dai capelli argentati tentò un offensiva con l’Animofago “Stolto. Prigione della Serpe!” dal braccio destro di Orochimaru fuoriuscì un enorme anaconda bianca che avvolse completamente il ragazzo e lo strinse a tal punto che dovette mollare la sua spada “Puoi divincolarti quanto vuoi… non riuscirai mai a liberarti!”
“Riku!” Zoro, brandendo le 3 spade, si lanciò contro il Sannin “Taglio dell’Orco!” lo spadaccino tentò l’offensiva, ma Orochimaru utilizzò la Tenica dell’Ombra della Serpe costringendolo ad evitare l’attacco con un balzo e ad allontanarsi dagli altri due combattimenti.
“Preferirei che non ti intromettessi mentre termino questo ragazzino!” l’anaconda strinse ancora di più la presa su Riku e, infine, il Sannin fece sparire il serpente per poter finire l’avversario con un fendente diagonale sulla pancia che fece sputare al ragazzo fiotti di sangue… Orochimaru terminò il tutto con un calcio tanto forte che fece sparire il giovane dai capelli argentati dalla vista dei due.
“Fuori uno!” esclamò il Ninja sorridendo.
Zoro digrignò i denti: la situazione si stava facendo davvero dura “Maledizione, è forte. Le 108 Passioni Demoniache della Fenice!” lo spadaccino tentò di usare questa tecnica per mettere KO il nemico, ma Orochimaru fu svelto ad evitarla e tentò un affondo con la sua Kusanagi; Zoro parò l’attacco con le sue tre spade.
“Devo ammettere che come spadaccino sei bravo!” affermò il Ninja.
“Anche tu sei forte… ma non posso permettermi di perdere, non dopo quello che hai fatto al mio compagno!” lo spadaccino approfittò della vicinanza per colpirlo con la spada che teneva con la bocca… peccato che Orochimaru con un balzo lo evitò tranquillamente.
“Tecnica dell'Ombra del Groviglio di Serpi!” il Sannin sputò dalla bocca una marea di serpenti che si scagliò seduta stante su Zoro con le fauci spalancate.
“Degli stupidi serpenti non basteranno per sconfiggermi. Taglio dell’Orco!” con questa semplice tecnica, lo spadaccino riuscì a tagliare nettamente tutti i rettili che gli si stavano scagliando contro… c’era soltanto un problema… aveva perso di vista il nemico “Dov’è finito ora?”
“Mai perdere di vista l’avversario!” Orochimaru sbucò da sotto terra e, utilizzando la spada Kusanagi, riuscì a trafiggere Zoro quasi all’altezza del cuore: era la stessa tattica che aveva usato nel test d’ingresso contro Teach “Fuori due!”
Il pirata, colto di sorpresa, mollò le sue 3 spade e cadde a terra di schiena mentre il sangue gli usciva dalla ferita provocatagli dal nemico.
Intanto Orochimaru tolse la Kusanagi dal corpo dello spadaccino mentre era ancora a terra “La mia carriera nell’Esercito è iniziata proprio bene. Ancora poco e verrò promosso al grado di Generale; a quel punto potrò convincere tutti i membri dell’organizzazione che il Signore Oscuro non è all’altezza della sua carica, insieme spodesteremo il Leader e io assumerò il comando dell’Esercito. E’ solo questione di tempo!” dette queste parole, il Sannin sparì sotto terra.
Subito un silenzio calò sul campo di battaglia mentre Zoro giaceva a terra ferito nel corpo e nella mente *Quell’essere… me la pagherà molto cara!*
“Se n’è andato, perfetto!” subito Riku sbucò da dietro una roccia perfettamente guarito e approfittò della situazione per tirare fuori dalla tasca dello spadaccino il Senzu e farglielo mangiare, in modo che si potesse riprendere completamente dall’attacco mortale subito.
“Grazie amico!” esclamò Zoro appena fu guarito completamente.
“Di niente… però… quel tipo ci ha sconfitto comunque!”
“… Hai ragione… ma la prossima volta la pagherà molto cara, stai tranquillo!”
“Si, gliela faremo vedere!” però Riku non sembrava molto convinto delle parole che diceva *… Sono ancora troppo debole… devo diventare più forte!*
“Ora sarà meglio muoverci, dobbiamo raggiungere la Fortezza Oscura!” il ragazzo dai capelli argentati annuì e insieme proseguirono il cammino… anche se Zoro, nonostante fosse semi svenuto, aveva sentito chiaramente le parole di Orochimaru *Quello ha intenzione di spodestare il Signore Oscuro e diventare il Leader dell’Esercito… purtroppo per lui non ci riuscirà mai: Leon e gli altri ci hanno detto che quel tipo è un essere dal potere enorme… speriamo di riuscire a batterlo unendo le nostre forze!*

Nami, l’unica finora che non aveva ancora combattuto, stava continuando a camminare in direzione della Base, anche se il suo passo non era dei più veloci *Devo sbrigarmi a raggiungere quel Castello, gli altri mi stanno aspettando!*
Ma, durante l’avanzata, notò che qualcuno, non molto lontano da lì, era a terra con la schiena all’insù che perdeva sangue… Nami lo riconobbe subito “Vegeta!”
La ragazza si avvicinò a lui e, girandolo, notò le condizioni in cui era “Ha lo stomaco perforato e non gli manca molto da vivere… per fortuna ho un Senzu qui a portata di mano!” e, tirando fuori dalla tasca il fagiolo, gli prese la testa con la mano sinistra e con la destra glielo fece ingoiare a forza “Ora, se è vero ciò che 18 ha detto, dovrebbe guarire!”
E così successe: il Sayan venne curato dal buco che gli aveva perforato lo stomaco e, appena aprì gli occhi, vide la navigatrice tenerlo per la testa “Tu!” con un balzo all’indietro si allontanò dalla ragazza e cominciò a guardarla male “Cosa diamine ci fai qui?”
“Bel modo di dire “Grazie per avermi salvato la vita”!” si lamentò Nami.
Vegeta, a quelle parole, la guardò con aria interrogativa… ma poi gli ritornò in mente il momento in cui Madara l’aveva trafitto allo stomaco rischiando di ucciderlo… “… Madara Uchiha… me la pagherai molto cara!”
“E ora cosa centra questo Madara Uchiha?”
“Tu stai zitta, che nessuno ti ha chiesto di venire a salvarmi!”
“Ehi come ti permetti? Quasi tutta la Resistenza è venuta fino a qui per salvare il culo a te e a Sasuke… ed è così che ci ringraziate?”
“Nessuno ha chiesto il vostro aiuto, quindi per quanto mi riguarda potete anche andarvene!”
“Ma brutto…”
“Nami!” il dibattito venne interrotto dall’arrivo tempestivo di Gohan che raggiunse i due di corsa.
“Ciao Gohan, tutto bene? Sei riuscito a sconfiggere Kizaru?” domandò la navigatrice.
“Si, è stata dura, ma ce l’ho fat…” solo allora il giovane figlio di Goku notò la presenza di Vegeta “Bene, sei riuscita a trovare uno dei due “fuggitivi”!”
“Già, gli ho pure salvato la vita… ed è tutto fuorché riconoscente nei miei confronti!”
“Tipico di Vegeta!”
“Tipico un cavolo!” intervenne il Principe dei Sayan alterato “Lo ripeto: nessuno vi ha chiesto di venire fin qui per salvarmi, quindi ora andatevene immediatamente e vedrete che entro oggi pomeriggio il Signore Oscuro sarà bello che morto!”
“… Ne sei sicuro?”
La domanda di Gohan non lasciò spiazzato Vegeta “Certo, io sono indubbiamente più forte di lui!”
“… Questo lo credi tu. Il Signore Oscuro è stato descritto dai membri originari della Resistenza come un essere dal potere terribile mentre tu non c’eri… non credi che un fondo di verità ci sia in tutto questo!”
“Tsk, io ho un potere più temibile del suo!”
“Ascoltami bene testa dura!” Gohan, proprio come aveva fatto a David al Quartier Generale, prese per il colletto il Principe dei Sayan alterato “Se vogliamo vincere questa guerra dobbiamo combattere insieme come una squadra, quindi adesso verrai con noi e INSIEME sconfiggeremo il Signore Oscuro… altrimenti ti lascio andare da solo come vuoi, così quando sarai in punto di morte potrai pentirti di non aver ricevuto il nostro aiuto!”
Vegeta aveva guardato con aria severa il ragazzo per tutto il tempo… però, guardandolo negli occhi, poteva vedere che tutto quello lo stava facendo solo per riportare lui e Sasuke al Quartier Generale vivi e vegeti… e anche che non stava mentendo sulla potenza del Signore Oscuro… era DAVVERO in grado di sconfiggerlo? C’era solo un modo per scoprirlo “Ok come vuoi, l’affronteremo insieme… ma se oserete intralciarmi la pagherete molto cara, siete avvisati!”
Nami e Gohan sorrisero: finalmente erano riusciti a farlo ragionare “Finalmente ti sei deciso eh?!” esclamò la navigatrice mentre il figlio di Goku mollava la presa.
Appena libero, Vegeta cominciò a dirigersi verso la direzione della Fortezza Oscura dicendo “Allora ci sbrighiamo o no?”
“Subito… però è meglio volare per arrivare prima alla Base dell’Esercito!” esclamò Gohan rivolto al Principe dei Sayan, poi disse a Nami “E’ meglio che ti attacchi alla mia schiena!”
La ragazza annuì all’istante e, dopo che si fu posizionata, i due Sayan partirono rapidamente in volo per raggiungere tutti i loro amici.
Ma Vegeta aveva uno strano sorrisino in faccia *Li sfrutterò per vedere la reale potenza del Signore Oscuro… e poi… sarò io a dare il colpo di grazia a quel bastardo!* al Principe non importava niente della Resistenza: voleva solo usarli per testare le capacità del nemico e reagire di conseguenza.

All’interno della Fortezza Oscura, più precisamente nel grande salone reale, il Leader dell’Esercito attendeva seduto sul suo trono gli esiti delle battaglie in corso… il tutto mentre Teach era al suo fianco.
“Mi scusi Signore Oscuro… posso chiederle come mai ha fatto scendere in campo Cell? E’ lui che ci teneva aggiornarti sulle battaglie grazie al Teletrasporto!” domandò Barbanera al suo Capo.
“Molto semplice: io mi fido di lui, e sono sicuro che non mi deluderà… o almeno lo spero, visti i fallimenti di tutti coloro che sono scesi in campo!”
Come si dice… si parla del diavolo e spuntano le corna: ecco comparire davanti a loro Cell grazie al Teletrasporto. Appena arrivato si mise in ginocchio e disse “Aggiornamento sulla situazione Signore Oscuro: purtroppo il traditore Ansem il Saggio mi è sfuggito… non sono riuscito a localizzare i traditori Axel e Hinata… Madara, Crocodile, Orochimaru e Freezer hanno vinto le loro battaglie… ma solo il Changelling ha fatto fuori uno di loro…” mentre lo diceva si poteva sentire la rabbia nella sua voce: avevano perso molti uomini durante la battaglia, mentre loro ne avevano fatto fuori solo uno… e inoltre il suo Leader gli aveva dato l’incarico di eliminare i traditori Ansem, Axel e Hinata… e lui aveva fallito miseramente.
Appena saputa la notizia, il Signore Oscuro strinse i pugni e digrignò i denti: sembrava sul serio incavolato, tanto da spaventare sia l’Androide che Barbanera *L’hai combinata davvero grossa Cell… speriamo che il Signore Oscuro ti faccia fuori, così diventerò io il Vice dell’Esercito!* pensò il pirata pregustandosi il momento in cui sarebbe diventato lui il numero 2 dell’organizzazione.
Però… invece di cominciare a urlare dalla rabbia… l’uomo si calmò… e scoppiò in una sonora risata, che ovviamente lasciò sbalorditi i 2 Generali.
“Ehm… si sente bene Signore?” domandò Teach ancora senza parole.
“Non è arrabbiato con me?” domandò invece Cell non capendo bene cosa gli passava per la testa.
Il Signore Oscuro continuava a ridere, sembrava quasi non aver sentito le loro parole… infatti “sembrava”, perché, appena terminato di ridere, rispose “Sto benissimo… e si: sono arrabbiato per il tuo fallimento Cell… ma non è un problema… la Resistenza si sta radunando tutta proprio sotto la Fortezza Oscura, giusto?”
“Esattamente!” confermò l’Androide.
“Bene!” con uno dei peggiori sorrisi malvagi mai visti, il Leader si alzò in piedi e annunciò “Lasciate che entrino nel Castello e che giungano fino a qui… è giunta l’ora… che io scenda in campo come avevo preannunciato prima… la Resistenza si pentirà presto di essersi messa contro i miei piani!”
Alla fine aveva deciso: il Signore Oscuro avrebbe combattuto da solo contro tutti gli invasori; Barbanera e Cell sorrisero: ormai per i loro nemici era finita, il loro Capo non avrebbe avuto pietà… e li avrebbe spazzati via tutti senza troppa fatica. Il misterioso Leader allungò la mano… ed ecco comparire tra le sue mani un arma… ma non un arma qualsiasi… bensì un Keyblade!

“Chissà se gli altri si sono salvati…”
“Ma si Leon, non preoccuparti!”
“… Spero che hai ragione Luffy… intanto però siamo solamente in 5 qui sotto alla Fortezza Oscura!”
“… Fa pure 6 contando l’idiota che sto tenendo bloccato in questo momento!”
La Fortezza Oscura, la terribile Base dell’Esercito, levitava in aria sopra le teste dei membri della Resistenza che erano riusciti ad arrivare fin lì. Attualmente vi erano solamente 5 uomini: Leon, Luke, Kakashi, Luffy e Sanji… beh facciamo anche 6 contando Sasuke…
“Lasciatemi andare immediatamente!”
I 5 arrivati per primi avevano visto Sasuke tentare di intrufolarsi nella Base e Luffy era riuscito a prenderlo tempestivamente e ad avvolgerlo in una presa con il suo braccio allungabile.
“Chiudi il becco!” Sanji mollò un calcio in piena testa al ragazzo Uchiha.
“Ma sei scemo?” ovviamente il colpo era stato sentito.
“Qui gli unici scemi siete tu e Vegeta. Cosa diamine vi è saltato in mente di venire fin qui con tutti i nemici che ci sono?”
“Siamo venuti fin qui per sistemare il Capo dell’Esercito e l’uomo lucertola da soli… e non sarete di certo voi a impedircelo!” Sasuke cominciò a dimenarsi per liberarsi, ma Luffy non mollava per niente la presa… anzi a volte la aumentava pure “Va al diavolo uomo di gomma!”
Luke decise di intervenire nel discorso “Piuttosto che insultarci dovresti baciare la terra su cui camminiamo: molti di noi non volevano venire qui a salvarvi e volevano lasciarvi al vostro destino. Chissà cosa vi sarebbe successo se non fossimo arrivati a togliervi dai guai!”
“Nessuno ha chiesto il vostro aiuto, e ora lasciatemi!”
“Stai zitto!” Sanji mollò un altro calcio a Sasuke più forte di quello di prima.
“Me la pagherai stupido cuoco!” era l’unica cosa che riusciva a dire in quel momento il giovane Sasuke, visto che non poteva proprio muoversi.
“Lo vedremo ragazzino insolente!” rispose semplicemente il biondo.
“Ne stanno arrivando altri in volo!” gridò all’improvviso Leon attirando l’attenzione di tutti.
“Vediamo chi sono!” Kakashi si scoprì lo Sharingan per prevedere il punto in cui sarebbero atterrati e, soprattutto, chi erano “… Sono Goku e David… e con loro c’è qualcun altro!”
“Qualcun altro?” domandò Squall stranito.
Non finì neanche la domanda che il Sayan atterrò davanti a loro tenendo in un braccio David e nell’altro Ansem “Finalmente siamo arrivati ragazzi!” annunciò Goku ai suoi due compagni.
“Tutto a posto Goku?” domandò l’Hatake nascondendo di nuovo lo Sharingan.
“Si non preoccuparti!” rispose semplicemente il Sayan.
Luffy, notando il “nuovo arrivato” tra di loro, chiese ad Ansem “Scusa… ma tu chi sei?”
L’anziano si rialzò in piedi, si ripulì dalla polvere e rispose “Scusate la scortesia, lasciate che mi presenti: io mi chiamo Ansem e…”
“Ansem!” Leon, Kakashi e Sanji si misero subito in posizione da combattimento pronti a scagliarsi contro l’uomo mentre Luffy preparava il suo braccio sinistro alla battaglia; invece Sasuke, immobilizzato a causa del ragazzo col cappello di paglia, attivò il Mangekyou Sharingan “Lui è mio, chiaro?”
“Fermi!” Goku e David si frapposero tra i 5 e Ansem, per evitare che l’uomo facesse una brutta fine.
“Ma cosa fai? Difendi il nemico?” domandò Sanji irritato dal comportamento dei compagni.
“State commettendo un errore: lui è il VERO Ansem, il Signore Oscuro gli ha rubato il nome!”
“Ha ragione!” Luke confermò le parole dell’uomo “Il Signore Oscuro che abbiamo affrontato noi aveva un aspetto diverso, quindi lui non è il Cap…” il giovane Fuudo si bloccò vedendo i vestiti dell’anziano… quelli erano di… “… Diz!”
“Esatto, giovane Luke. Mi sono infiltrato nell’Esercito col nome di Diz e ho tenuto sotto controllo le sue mosse da vicino!” dopo aver detto ciò si avvicinò all’orecchio del ragazzo e disse a bassa voce “Stai tranquillo: con me il tuo segreto è al sicuro!”
“… Grazie Ansem!”
Leon invece non credeva ai suoi occhi: aveva sempre creduto che Ansem, colui che regnava sulla Fortezza Oscura, fosse una persona buona e saggia, ma dopo che aveva saputo che era il Capo dell’Esercito, aveva perso tutta la stima per quell’uomo e lo riteneva un essere spregevole… e ora… era venuto a conoscenza che era solo qualcun altro che aveva rubato il nome al vero Ansem “Ansem il Saggio!” Squall fece un leggero inchino in segno di rispetto per il suo antico sovrano.
“Oh non preoccuparti Squall Leonhart: ormai non sono più un sovrano, questi gesti puoi anche non farli!”
“Anche se non è più un sovrano… provo un grande rispetto per lei, quindi un inchino è il minimo che posso fare!” rispose Leon rialzando il busto.
In tutto quel discorso, Luffy ne uscì con una delle sue “Non ho capito niente, chi è quello?”
“Ma sei proprio idiota Luffy?” sclerò Sanji.
“Quello è il vero Ansem e il Signore Oscuro è qualcuno che gli ha rubato il nome!” cercò di spiegare Kakashi.
“Ah ecco… ma non potevate dirlo subito così?” se ne uscì Luffy… ovviamente Sanji si trattenne dal tirargli un calcio in faccia.
Sasuke invece era rimasto deluso da questa scoperta e disattivò il Mangekyou Sharingan lasciando attivo quello normale *Uff significa che il Signore Oscuro è là dentro… e, prima di fare fuori lui e la lucertola, dovrò levarmi di torno questi scocciatori!*
Durante questi ultimi chiarimenti, Leon notò che gli altri membri della Resistenza non si vedevano… e la preoccupazione cominciò a crescere dentro di lui “… Speriamo che gli altri arrivino presto!”
“Gli altri? Nessun problema: mi libro a mezz’aria e controllo se qualcuno si avvicina!” e così fece: Goku cominciò a levitare sopra le loro teste (senza però arrivare alla Fortezza Oscura) e cominciò a osservare i dintorni per vedere se riusciva a scorgere gli altri… e li vide: ben 5 gruppi si stavano tutti avviando verso il punto dove si trovavano Leon e gli altri “Stanno arrivando tutti!”
Questa notizia riuscì a sollevare tutti di morale “Era ora!” se ne uscì David con una delle sue.
“Finalmente siamo tutti riuniti!” esclamò Squall sorridendo.

Eventi Principali Modifica

  • Cid, Yuffie, Aerith e Chiara scoprono il segreto dei fiori e vengono raggiunte al Quartier Generale da Tifa.
  • Orochimaru sconfigge Zoro e Riku e svela di voler diventare il nuovo Leader dell'Esercito.
  • Nami salva da morte certa Vegeta, che decide di seguirli nello scontro col Signore Oscuro.
  • Il Signore Oscuro decide di scendere in campo personalmente.
  • Tutti si ritrovano sotto la Fortezza Oscura.

Debutti Modifica

Tifa Lockhart

Personaggi Apparsi Modifica

Cid Highwind

Yuffie Kisaragi

Aerith Gainsborough

Chiara Yutani

Tifa Lockhart

Orochimaru

Roronoa Zoro

Riku

Nami

Vegeta

Son Gohan

Marshall D. Teach

Signore Oscuro

Cell

Squall Leonhart

Luke Fuudo

Kakashi Hatake

Monkey D. Luffy

Sanji

Sasuke Uchiha

Son Goku

Ansem

David Tokiwa

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale