FANDOM


Capitolo 111
Capitolo 111.jpg
Nome Capitolo 111
Postato il 10 Dicembre 2013
Titolo La Guerra Universale! Ener e Marluxia iniziano a Combattere!!


Il Capitolo 111 intitolato La Guerra Universale! Ener e Marluxia iniziano a Combattere!! è il Centoundicesimo e Quarantanovesimo Capitolo della seconda serie della Fan Fiction.

Capitolo Modifica

Ormai la guerra si stava avviando lentamente verso la fase finale, molti dei pezzi grossi erano caduti sotto i colpi degli avversari da quasi tutti gli schieramenti, difatti sia la Neo Resistenza che l’Organizzazione XIII che il gruppo di Marluxia aveva perso validi combattenti durante la feroce battaglia, l’unico che pareva non avere perso nessuno era Maschera di Ghiaccio in quanto i suoi Uomini di Ghiaccio erano fatti dello stesso materiale che rivestiva il suo corpo e, in assenza del virus creato da Zero, nessuno poteva distruggere il suo plasma solidificato.
Tuttavia c’era da dire che molti non avevano ancora iniziato a combattere in quanto erano rimasti fermi ad osservare lo svolgersi degli eventi con un sorrisino sul volto… ed uno di questi era proprio il Nessuno dai capelli rosa che con in mano la sua falce si era limitato ad uccidere i Ninja che poco prima avevano tentato di attaccarlo in massa, in pratica era ancora vispo e fresco e non aveva ancora iniziato a battersi seriamente…
Perché? Ovvio, stava aspettando il momento giusto per avventarsi contro Xehanort ed eliminarlo con le sue stesse mani!! E il momento gli si presentò proprio in quell’istante perché, tenendo gli occhi sul pilastro di roccia creato ad inizio guerra dall’anziano, aveva visto Luffy colpire il suo ex Capo e farlo volare via gettandolo contro la sua volontà nel mezzo dell’azione… era il momento che stava aspettando, poteva far fuori quel maledetto, rubargli tutti gli elementi necessari per il Rito della Gloria Nera e compiere lui quel rituale diventando in questo modo l’essere più potente degli Universi!!
Quella era la sua grande occasione… e non intendeva farsela sfuggire “Caro Master, volenti o nolenti anche tu sei entrato in battaglia ormai… così avrò l’immenso piacere di ucciderti con le mie mani!!” reggendo con due mani la sua falce, cominciò a camminare lentamente pronto a raggiungere il luogo dove stavano combattendo il Maestro del Keyblade e il Re dei Pirati, il tutto passando in mezzo al massacro che si stava compiendo in quel luogo dato che le creature dell’Organizzazione XIII riuscivano a mietere vittime e al tempo stesso venivano eliminati dai combattenti per la libertà.
Tuttavia, mentre avanzava, si ritrovò davanti un qualcosa che mai si sarebbe aspettato… uno strano muro composto di insetti gli sbarrò la strada impedendogli di avanzare, da dove era saltato fuori? “E questo che cosa sarebbe?” domandò sollevando un sopracciglio.
“E’ la Tecnica del Muro di Insetti!” gli spiegò qualcuno uscendo fuori da dietro la parete e posizionandosi di fronte al Nessuno… era Shino Aburame, il Jonin di Konoha!!
“E tu chi sei?” ma naturalmente l’ex membro dello spietato gruppo non lo conosceva.
L’amico di Kiba non perse tempo e cominciò a parlare quasi a voler ignorare la domanda che gli era stata appena posta “… Tu devi essere Marluxia, colui che bramava di tradire l’Organizzazione XIII e di impadronirsi del potere… dico bene?” anche se ormai aveva deciso di mostrare a tutti il volto il suo modo di parlare continuava a renderlo piuttosto inquietante.
Ma colui che aveva davanti non si lasciò intimidire e gli rispose dicendo “Vedo che la mia fama mi precede… ma non hai risposto alla mia domanda, chi sei tu?”
Questa volta il Ninja decise di colmare il suo dubbio “… Io mi chiamo Shino Aburame e faccio parte della Neo Resistenza… se ti fossi limitato a tradire l’Organizzazione XIII probabilmente ti avrei lasciato in pace… ma dato che intendi dominare gli Universi non posso permetterti di fare ciò che vuoi!”
“Quindi intendi uccidermi?” fu la semplice domanda che fece il Nessuno mentre continuava a reggere la sua arma con entrambe le mani.
“… Esatto!” dopo aver detto ciò l’uomo aveva allargato leggermente le braccia e degli insetti cominciarono ad uscire dalle maniche della sua giacca.
Marluxia non si fece spaventare da quella mossa e disse col suo solito sorriso “Sei coraggioso, ma non ti basterà per battermi… non serve neanche che mi trasformi per sistemare un tipo come te!” credeva davvero in ciò che diceva, e proprio per questo durante la battaglia con quel tipo non avrebbe mai usato le sue mutazioni.
Immediatamente Shino decise di passare ai fatti e puntando entrambe le braccia di fronte a sé mandò i suoi adorati animali contro il nemico, il quale però riuscì ad evitarli tutti spostandosi verso destra “Petal Slash!” in un attimo ecco che usando la falce l’ex membro del gruppo del Master sparò un fendente d’aria avvolto da tanti petali rosa contro il Ninja.
Quest’ultimo, dopo aver evitato la mossa correndo verso la sua destra, disse al rivale “Non credere che sia finita qui… i miei insetti ti seguiranno fino a quando non ti avranno preso!!” e difatti ecco che le creature che aveva mandato precedentemente iniziarono a tornare indietro dirigendosi verso l’uomo dai capelli rosa…
Il quale non era minimamente preoccupato della cosa, anzi cominciò a far roteare la sua falce usando la mano sinistra “E anche se fosse? Sono solo degli stupidi animali, non possono competere contro i miei immensi poteri!!” e in un attimo ecco che si voltò di scatto e… “Petal Tornado!!” continuando ad agitare la sua mossa generò un piccolissimo uragano composto da fendenti d’aria avvolti dai petali rosa sufficiente per sistemare a dovere i poveri insetti del Jonin che caddero a terra privi di vita “Se questo è il meglio che sai fare ti consiglio di arrenderti!”
Shino rimase in silenzio, avrebbe tanto voluto arrabbiarsi in quella situazione, ma lui era un tipo calmo e non doveva lasciare che la rabbia prendesse il sopravvento anche se vedere i suoi fedeli amici venir trattati in quel modo era una cosa che non poteva sopportare “… Sei forte proprio come immaginavo… ma vincerò io questa battaglia!”
“L’importante è esserne convinti!!” in un attimo Marluxia si scagliò contro di lui brandendo la sua falce nel tentativo di colpirlo con essa al petto, tuttavia Aburame riuscì all’ultimo ad evitare la mossa abbassandosi leggermente per poi tentare un pugno mirato allo stomaco, ma ancora una volta il Nessuno fu molto rapido e compì un balzo verso l’alto per evitare di essere colpito.
“Petal Cut!” subito dopo sollevò in aria la sua lama e la calò velocemente contro la testa dell’uomo… riuscendo a colpirlo in pieno e trapassandolo da parte a parte!! Oh mamma, Shino era stato colpito mortalmente, quindi era… “Così impari a metterti contro di me!” dichiarò subito dopo il malvagio sorridendo malignamente, chiunque cercava di fermarlo nel suo piano di conquista doveva essere eliminato!!
Ma ecco che accadde qualcosa che lui non aveva previsto, colui che aveva di fronte e che aveva appena colpito cominciò a trasformarsi e al suo posto fuoriuscirono una moltitudine di insetti che si avventarono all’istante contro di lui!! “Ma cos… CHE RAZZA DI STREGONERIA E’ QUESTA?!” urlò mentre gli animali l’avevano circondato e lui cercava di proteggersi portando alla faccia le mani e reggendo sempre la sua falce.
“Questa era la Tecnica dei Cloni di Insetti!” svelò il vero Aburame che comparve di fronte a lui dopo essere fuoriuscito dal muro che aveva precedentemente creato e che era ancora attivo “Poco prima che mi colpissi con la tua mossa ho usato questa tecnica per sostituirmi ad un mio sosia creato usando i miei fedeli insetti… ed ora loro ti stanno risucchiando l’energia piano piano, ben presto rimarrai senza e morirai!!”
“… Peccato solo che non abbia per niente intenzione di morire qui e soprattutto contro di te!!” Marluxia, che stava iniziando a perdere la pazienza a causa di quegli “stupidi esserini” come li definiva lui, agitò la sua falce e generò un nuovo Petal Tornado intorno a sé che uccise all’istante tutti gli animali che l’avevano circondato.
Shino osservò ciò che stava accadendo senza fiatare… anche se una leggera lacrima gli bagnò il volto in quanto il vedere i suoi preziosi alleati morire lo faceva stare male.
“Te l’ho detto, non ho bisogno delle trasformazioni per battere uno come te. Paragonato a me tu non sei altro che… un insetto!!” il malvagio aveva detto apposta quella frase in modo sarcastico per fargli capire che lui e i suoi animali non erano poi tanto diversi…
Ma il Jonin come aveva ormai imparato a fare mantenne la calma e, mentre il muro dietro di lui cominciava a muoversi, replicò a quella frase dicendo “… Sì, effettivamente hai ragione, sono un insetto… ma valgo di sicuro molto più di te visto che essendo un Nessuno non saresti mai dovuto esistere… se io sono un insetto, tu sei niente!!”
Ahia, non avrebbe mai dovuto dirlo, anche se Marluxia non provava sentimenti dovette ammettere che era parecchio irritato per quella frase ed una vena gli stava giù pulsando sulla testa… ma cercando di rimanere sereno replicò alla sua frase dicendo “Tra pochi minuti vedremo chi tra di noi è destinato a diventare qualcuno… e chi invece deve sparire per sempre!!”
“Io sono qui, fatti sotto!!” fece Shino pronto a ricominciare a combattere… tuttavia, anche se intendeva dare il meglio di sé, continuava a pensare alle parole che aveva detto a Kiba proprio quel giorno… fin da allora sentiva che quella sarebbe stata la sua ultima giornata in quel mondo, e ora che si stava battendo con quell’individuo estremamente forte sentiva che la sua ora era ormai giunta…

Passando ad un'altra zona del campo di battaglia Hanasia stava continuando a combattere contro l’Uomo di Ghiaccio che prima si stava battendo contro Goku, aveva deciso di prendere il suo posto per permettergli di raggiungere il Master, ma non pensava che quei “cosi” fossero tanto forti e resistenti.
Proprio in quell’istante l’essere tentò di colpirla con un pugno, ma lei lo evitò agilmente e gli disse “Sei monotono, usi sempre le stesse tecniche!” il tutto col sorriso che la contraddistingueva da sempre.
Non avendo una coscienza la creatura di Maschera non badò alla sua provocazione e tentò di rifilargli un calcio sulla guancia, ma lei evitò con grande agilità la mossa portandosi verso l’alto e gli rifilò un pugno mandandolo al tappeto “Non puoi competere con me, bello!” esclamò subito dopo la Sayan con un sorrisino sul volto.
Tuttavia il nemico era ancora in grado di combattere e rimettendosi in piedi con una capriola cominciò ad avventarsi contro la madre di Goku tentando una serie di calci e pugni in rapida successione.
Lei però non era minimamente turbata da quella mossa ed evitò tutti i colpi velocemente per poi assestare un potente Ki Blast sulla pancia del rivale riuscendo addirittura a bucargli lo stomaco!! “Sistemato!” sul serio? In fondo anche loro sono fatti di plasma solidificato e difatti non ci volle molto all’Uomo di Ghiaccio per ricomporsi la parte mancante e ritornare perfettamente integro e pronto a ricominciare.
Ancora una volta aveva dato dimostrazione della sua incredibile resistenza e ciò non piacque per niente ad Hanasia perché le sue energie non erano infinite e a furia di colpirlo con attacchi fisici e di Ki la sua energia si stava lentamente azzerando *Così non va, devo trovare il modo per distruggerlo… ma come posso se sembra invincibile?*
Improvvisamente, quasi come se qualcuno avesse sentito i suoi pensieri, una scarica elettrica violentissima travolse l’essere di Maschera folgorandolo letteralmente davanti ad una Sayan stupita da ciò che stava avvenendo… il cielo era limpido, chi aveva potuto lanciare un attacco tanto devastante?
La risposta le fu subito chiara dato che appena la creatura cadde a terra quasi come se avesse perso i sensi a causa del violento colpo si stagliò di fronte a lei una figura che conosceva molto bene “Non desideravi sistemare questo coso? Beh eccoti accontentata!”
Appena lo vide la madre di Goku digrignò i denti dalla rabbia e gridò “ENER, CHE CAZZO HAI FATTO? QUESTA ERA LA MIA BATTAGLIA!!!”
“E’ questo il tuo modo di dirmi grazie? In fondo non ho fatto altro che rispondere alla tua chiamata d’aiuto!” rispose con un sorrisino l’ex Dio.
Hanasia divenne improvvisamente seria, forse perché prima si era dimenticata di un abilità del rivale che era in grado di fare cose del genere *Ah già, il Mantra…*
“Ma non ti preoccupare, l’ho solamente stordito dato che nemmeno i poteri oscuri possono distruggere questi esseri… in verità però il mio obiettivo non è lui… sei tu!”
“… E posso sapere il perché? Sei per caso un mio fan?” tornò a scherzare la guerriera.
Lui però non aveva voglia di scherzare “Tra pochi minuti il Rito della Gloria Nera ci permetterà di diventare talmente potenti da sopraffare gli Universi interi col minimo sforzo… e non posso permettere che coloro che un tempo facevano parte dell’Organizzazione XIII rovinino i nostri piani!”
“In altre parole intendi uccidermi perché sono una traditrice? Beh… come vuoi!” immediatamente Hanasia si mise in posizione da combattimento anche se sapeva che non avrebbe retto ancora per molto dato che aveva il fiatone in quanto contro il bestione di prima aveva usato parecchie delle sue energie.
Ener notò subito questo particolare e senza perdere tempo prese dalla tasca qualcosa e la lanciò alla sua avversaria “Tieni questo, recuperati le energie alla svelta!”
La Sayan lo prese al volo e si accorse che era nientemeno che un… Senzu?! “Cosa? Ma… perché me lo stai donando?”
“Che gusto c’è ad annientare un avversaria che è già senza forze? E ritieniti anche fortunata visto che quello è l’ultimo Senzu dell’Organizzazione XIII!” l’ultimo? Ma Gelo non ne aveva consegnato almeno uno a testa? Per fortuna ci pensò l’ex Dio stesso a spiegare la faccenda “Quel traditore di Marluxia ieri sera mentre nessuno lo stava vedendo ha distrutto tutti i Senzu di cui disponeva la nostra organizzazione con una delle sue magie, ma io grazie al Mantra avevo già previsto cosa intendeva fare ed ho messo il mio al sicuro grazie alle forze oscure… in altre parole dopo quello non rimarranno altri Senzu sul campo di combattimento!”
“… E lo stai donando ad una tua nemica? Beh ti pentirai ben presto di questa scelta!!” con un sorriso determinato la guerriera ingoiò all’istante il fagiolo donatole dal nemico riacquistando tutte le energie che aveva perso precedentemente, il duello ora poteva avere inizio!!
La prima ad attaccare fu proprio la Sayan che, appena ristabilitasi, caricò parecchio Ki sulla sua mano destra e sparò un raggio energetico a tutta velocità contro il membro dell’Organizzazione XIII… tuttavia quest’ultimo grazie al Mantra aveva già previsto cosa intendeva fare ed usò la sua velocità per spostarsi in tempo verso destra, dopodiché sfruttò ancora una volta l’agilità del fulmine per scagliarsi contro di lei e tentare di colpirla al petto, ma lei riuscì a vedere i suoi movimenti e ad evitare la mossa con un balzo all’indietro.
“Break Cannon!!” ed ecco che in un attimo sparò la sua potente onda dalla bocca che si diresse a tutta velocità verso Ener, ma…
“Credi davvero di poter eguagliare la velocità del fulmine?” il rivale era alle sue spalle, senza che se ne accorgesse era riuscito ad evitare la mossa e a portarsi dietro di lei per tentare un attacco ravvicinato!
Aveva deciso di tentare di colpirla con il suo bastone, ma Hanasia aveva degli ottimi riflessi e grazie ad essi balzò verso l’alto evitando la mossa e cominciando a fare una piroetta nell’aria per dare la schiena alla testa avversaria.
La sua successiva mossa fu prevista dall’ex Dio che, sorridendo malignamente, le disse “Vuoi davvero tentare un attacco fisico? Io sono un Rogia, contro di me questi colpi non hanno nessun effetto, anzi sarai tu a rimanere danneggiata!!” e questo era vero…
Però lei sapeva esattamente cosa stava facendo, difatti fece un sorrisino furbetto e gli disse “Ne sei davvero sicuro? Io conosco il modo di contrastarti…” e difatti circondò la sua gamba con il Ki di cui disponeva e mandò a segno un calcio proprio sulla guancia destra del malvagio che venne così sbalzato via colto di sorpresa per essere stato colpito!!
“Impossibile…” fece mentre atterrava in piedi e si toccava la guancia dolorante.
La madre di Goku, tornando a terra e mantenendo il sorriso, gli disse “La Cyborg che hai affrontato un anno fa mi ha detto come poterti colpire, ormai non sei più immune ai miei attacchi perché saranno sempre intrisi di Ki… una delle poche cose che possono colpirti!!”
In altre parole Ener rischiava di perdere quel duello… o almeno all’apparenza visto che lui scoppiò a ridere inspiegabilmente nonostante avesse appena scoperto che poteva essere colpito dalla sua avversaria “Cos’è? Questa nuova scoperta ti ha fatto impazzire?” gli domandò a quel punto Hanasia sollevando un sopracciglio confusa.
“Mi fa ridere la tua convinzione, davvero sei convinta di potermi battere?”
“Certamente, io posso colpirti mentre i tuoi fulmini mi fanno solamente il solletico!”
“Ne sei sicura?” con grande velocità l’ex Dio si era portato di fronte a lei e le puntava la mano dritta verso il petto “1.000.000 di volt!!” ed ecco che partì una scarica elettrica che centrò in pieno la Sayan… e che le fece addirittura male!! Aveva sentito l’elettricità folgorargli il corpo e un po’ di sangue era uscito dalla bocca, come c’era riuscito? Era assurdo, quel tipo di attacchi non potevano fare niente alla sua razza, in che modo l’aveva danneggiata?
“C-Come ce l-l’hai fatta?” gli domandò ancora un po’ abbrustolita e sotto shock per quello che era appena avvenuto.
Con ancora la mano elettrizzata Ener gli rispose “Grazie ai poteri oscuri naturalmente, hanno aumentato notevolmente il potere dei miei attacchi che ora sono più mortali di prima… sono proprio curioso di vedere quanto riuscirai a resistere Eheheheheheheheh!”
Adesso sì che era davvero nei guai, quel tipo oltre a potersi muovere alla velocità del suono disponeva anche di attacchi elettrici in grado di ucciderla, doveva stare attenta se non voleva finire polverizzata prima ancora di potersene accorgere… ma al tempo stesso non si sarebbe arresa davanti ad una battaglia che sembrava impossibile, lei era una Sayan e doveva tenere alto il nome e l’orgoglio della sua razza!!
“Puoi essere forte quanto vuoi, ma non riuscirai mai a battere me, Hanasia, un membro dell’elité nonché una degli esponenti più forti della mia razza!!” con queste parole cariche di determinazione e di volontà di andare avanti si mise in posizione da combattimento pronta a ricominciare il duello la dove era stato interrotto.
Il nemico di tutta risposta sorrise e disse “Bene, speriamo che riuscirai quantomeno a divertirmi!” il combattimento stava per ricominciare!

Mentre tutto ciò stava avvenendo anche un altro duello proseguiva senza esclusione di colpi… nonostante entrambi i contendenti dovessero essere dalla stessa parte!!
Naturalmente si sta parlando di Riku e Mihawk, che mentre i loro compagni stavano combattendo contro i nemici duellavano a colpi di spada senza badare a cosa stesse succedendo intorno a loro… e tutto perché lo spadaccino voleva testare la forza dell’amico di Sora!
“Come ti ho già detto prima non ho tempo da perdere contro di te, quindi chiuderò il combattimento il più velocemente che posso!!” dichiarò l’uomo coi capelli argentati tentando un affondo con il suo Keyblade mirando al petto.
All’ex Shicibukai però bastò usare la sua arma per deviare molto facilmente la traiettoria del colpo impedendo così che andasse a segno “Non hai che da provarci!” disse subito dopo tentando un taglio netto.
Però il Maestro riuscì ad evitarlo all’ultimo compiendo un balzo verso l’alto e, una volta riatterrato, uno all’indietro per potersi distanziare dal rivale, nonostante volesse concludere il prima possibile la battaglia era più difficile del previsto *Sto in campana, quel tipo è parecchio forte non riuscirò mai a concludere il duello con velocità…*
“Non vuoi più attaccare? Allora lo farò io!” impugnando la sua arma, Mihawk sparò dei fendenti d’aria molto potenti diretti verso il suo avversario che dovette attivare un Reflexga all’ultimo per riuscire a difendersi, anche se l’immensa potenza di quei colpi aveva fatto vacillare la sua difesa.
Dopo averla disattivata pensò *E’ meglio usare i poteri oscuri così come mi hanno insegnato… magari con quelli riuscirò a sconfiggerlo più velocemente!* ed ecco che in un attimo il suo corpo cominciò ad essere avvolto da una strana aura nera simbolo dell’oscurità.
Il nemico sapeva che cosa voleva dire e sorridendo disse “Finalmente stai iniziando a fare sul serio. Avanti, sono qui che ti aspetto!” essendo stato invitato ad attaccare Riku brandì la sua arma e si lanciò contro lo spadaccino collidendo contro di lui proprio al centro della zona di combattimento.
Ne seguì un veloce scambio di fendenti ed affondi da parte di entrambi in cui nessuno pareva riuscire ad avere la meglio sull’altro, almeno fino a quando non fu l’ex rivale di Zoro a riuscire a ferirlo leggermente alla guancia: aveva tentato un colpo mirando alla faccia, ma l’avversario era riuscito a vederlo in tempo e l’aveva parzialmente schivato rimanendo comunque sfigurato sul lato sinistro.
“Sbaglio o la tua velocità è aumentata notevolmente rispetto a prima?” gli domandò l’ex Shicibukai continuando a reggere la sua lama.
A quel punto l’uomo, osservandolo con uno sguardo molto determinato, abbozzò un sorriso e gli disse “E non solo quella…” dopodiché utilizzò un enorme Energiga per guarirsi la ferita infertagli e sparò al tempo stesso una serie di Blizzaga contro di lui.
Allo spadaccino non ci volle niente per tagliare nettamente tutti i colpi che gli stavano venendo addosso e farli esplodere a mezz’aria prima ancora che lo raggiungessero, ma non si era accorto che tutto ciò faceva parte di una strategia, difatti dal fumo provocato dalla distruzione delle sfere fuoriuscirono delle palle di fuoco fatuo lanciate usando l’oscurità dal membro della Neo Resistenza apposta per lui.
Mihawk si abbassò all’ultimo evitando così di essere colpito e il suo avversario apparve sopra la sua testa tentando un affondo dall’alto mirato al collo, ma il rivale riuscì a prevedere questa offensiva e usò la sua arma per parare l’attacco e così salvarsi.
Durante la mossa difensiva però era riuscito a notare qualcosa “… Hai ragione, anche la tua forza di attacco è aumentata… ma vediamo se ha raggiunto la mia!!” in un attimo scostò l’arma avversaria usando la sua che era ancora attaccata e fece sbilanciare il rivale che dovette tornare a terra per evitare di cadere rovinosamente al suolo.
Dopo aver fatto ciò l’ex Shicibukai si mise in posizione e portò indietro la spada nera pronto probabilmente per un fendente… tuttavia questo non sarebbe stato come gli altri e questo l’uomo l’aveva capito, proprio per ciò decise di abbassarsi all’ultimo per evitare il colpo… e fece bene visto che l’attacco ebbe un raggio d’azione talmente ampio che tutti gli Heartless, Nessuno e Nesciens che erano dietro di lui si ritrovarono tagliati a metà e svanirono in particelle oscure… e il bello era che aveva colpito anche quelli a distanza di due kilometri!!
“Assurdo!!” Riku aveva dato una breve occhiata dietro di sé e si era accorto di cosa era riuscito a fare l’avversario.
Ma… “Ti stai distraendo!!” vedendo che continuava a puntare lo sguardo da un'altra parte lo spadaccino cercò di attirare la sua attenzione chiamandolo, e ci riuscì visto che effettivamente l’uomo si voltò giusto in tempo per parare l’ennesimo affondo che era mirato allo stomaco.
Approfittando della vicinanza l’amico di Sora caricò sulla mano sinistra una sfera di fuoco fatuo pronta a lanciarla contro il suo viso… il colpo venne lanciato, ma il pirata evitò la mossa spostando leggermente la testa verso sinistra e subito dopo cercò di imprimere più forza possibile in modo che nella colluttazione tra armi fosse lui a trionfare “Arrenditi!”
Il membro della Neo Resistenza cercava di resistere in tutti i modi possibili, ma era davvero fortissimo quell’individuo e la sua forza fisica era superiore alla sua… così a quel punto decise di ricorrere ai poteri che aveva acquisito come Maestro del Keyblade, anche se così doveva rinunciare alle forze oscure.
In un attimo l’aura nera lo abbandonò per fare posto ad una completamente dorata, grazie ad essa la sua forza aumentò notevolmente tanto che riuscì a fare arretrare il rivale sotto la sua incredulità *Cosa succede? Prima era inferiore a me… ed ora invece riesce a tenermi testa?* non riusciva a capacitarsi della cosa ed era sorpreso di ciò.
Approfittando di quell’attimo di esitazione Riku riuscì ad imprimere una forza sufficiente per scagliare via l’avversario che atterrò comunque in piedi, dopodiché creò delle sfere di luce intorno a sé e le lanciò contro Mihawk che dovette tagliarle tutte quante non appena lo ebbero raggiunto.
Subito dopo però si accorse che Riku era sparito… e questo perché era arrivato alla sua destra con delle catene dorate sul braccio sinistro e stava tentando di colpirlo con una frustata sulla mano forse per disarmarlo, ma l’ex Shicibukai si accorse in tempo di quello che intendeva fare e fece un balzo all’indietro per evitarlo.
Dopo averlo fatto prese a due mani il manico della sua arma e cominciò a correre velocemente verso l’avversario forse per colpirlo con un fendente abbastanza forte da sconfiggerlo definitivamente… ma l’amico di Sora non intendeva rimanere fermo a non fare niente e dopo aver lanciato il Keyblade per aria evocò le sue catene anche sul braccio destro.
“Preparati, perché stai per essere sconfitto!!” gli gridò contro lo spadaccino.
Di tutta risposta l’uomo coi capelli argentati unì gli arti ad X di fronte a sé e… “Catene di Luce! Frustata del Destino!!” adoperando questa nuova tecnica si scagliò contro il rivale per colpirlo… ne seguì un tremendo impatto tra due armi che provocò violentissime onde d’urto che spazzarono via tutto ciò che si trovava intorno a loro compreso il Keyblade dell’uomo che era appena ritornato a terra.
Per parecchi secondi i due rimasero fermi dov’erano nel tentativo di prevalere sull’altro, ma nessuno ci riusciva sembravano perfettamente alla pari… e difatti il tutto si concluse con un ultimo impatto violentissimo che scagliò all’indietro entrambi i contendenti, per fortuna i due atterrarono in piedi, però erano rimasti visibilmente stanchi per l’ultima azione, difatti entrambi avevano il fiatone e respiravano a fatica.
Riku era davanti ad un bivio, anche con i poteri di Maestro del Keyblade quel tipo riusciva a tenergli testa, aveva una forza disumana nonostante fosse più vecchio di lui, se neanche quel colpo era riuscito a batterlo… come poteva sperare di sconfiggerlo?
Tuttavia con un colpo di scena Mihawk, dopo essersi rialzato, disse “… Basta così!” basta così? Ma che…
Persino l’avversario rimase spiazzato da quell’uscita “C-Come?”
“Il mio unico obiettivo era testare le tue e le mie capacità, mi sembrava di avertelo già detto… ora che so per certo che sei un avversario valido e che nonostante l’età riesco comunque a battermi alla pari con i giovani non ho più alcun motivo di combatterti. Il mio unico consiglio è di non tergiversare mai, più volte hai esitato perché ero un tuo alleato, non commettere mai questi errori… o potresti ritrovarti morto prima ancora di accorgertene!” con questa semplice dichiarazione lo spadaccino fece dietro front e si allontanò dal quello che fino ad un attimo prima era stato il suo rivale di battaglia…
Lasciando un Riku davvero molto sconvolto ”V-Voleva solo… testare le mie capacità?” aveva uno sguardo allibito, non riusciva a credere che quel tipo gli avesse fatto perdere del tempo solo per una sfida di piacere e nulla di più.

“Petal Cut!”
Intanto lo scontro tra Marluxia e Shino stava proseguendo con il muro di insetti creato precedentemente che continuava a sorreggersi nonostante il violento impatto della battaglia e il Nessuno che stava tentando un affondo dall’alto con la sua falce.
Aburame riuscì ad evitare la mossa balzando all’indietro, dopodiché usando i suoi insetti generò una specie di lancia sulla sua mano destra e… “Tecnica della Lancia di Insetti!” la lanciò contro il nemico nel tentativo di trapassarlo all’altezza del cuore.
Ma lui sapeva esattamente come reagire “Petal Slash!” usando la sua arma lanciò un fendente d’aria avvolto da petali rosa e i due colpi si annullarono a vicenda anche se questa volta gli animali si dispersero e nessuno rimase ucciso.
L’ex membro dell’Organizzazione XIII cercò di non perdere tempo e si lanciò contro il rivale ad arma sguainata forse per tagliargli la testa, ma il Ninja riuscì ad anticiparlo unendo le braccia ad X e trasportando il muro di insetti di fronte a lui in modo che l’attacco avversario centrasse quello al posto suo.
“Questo coso sta iniziando a diventare fastidioso!” già prima gli aveva bloccato il passaggio ed ora aveva osato farlo di nuovo, gli stava davvero dando sui nervi.
Ma il Jonin, con tutta la calma che lo contraddistingueva, gli disse sollevando leggermente il braccio destro e piegandolo “E’ la natura degli insetti dare fastidio, non ti devi stupire!”
“Già… ma è nella loro natura anche essere schiacciati!!” dopo aver proclamato ciò Marluxia iniziò ad agitare la sua falce, era chiaro quale colpo intendeva usare “Petal Tornado!” il suo obiettivo era disperdere quegli animali in modo da avere campo libero contro il loro padrone…
E riuscì visto che vennero tutti spazzati via dalla folata di vento questa volta non tagliente avvolto da petali e il compagno di Kiba, che era dall’altra parte dell’attacco, dovette proteggersi sollevando le braccia ad X *Ancora questa mossa…*
Vedendo la situazione a lui vantaggiosa il Nessuno tentò un affondo mirando al petto, ma Shino riuscì ad evitarlo balzando verso l’alto e atterrando ad alcuni metri da lui… quel tipo era davvero forte, non riteneva uno sbaglio l’aver deciso di affrontarlo… ma basarsi solo sulla forza bruta poteva rivelarsi svantaggioso per lui, forse era il caso di iniziare ad usare una delle sue strategie. Già… ma quale?
Se lo stava domandando anche lui *Con il suo uragano è in grado di disperdere i miei insetti facilmente, devo privarlo delle sue energie il più in fretta possibile. Potrei fare in modo che siano i miei amici a cercare lui, ma sarebbe rischioso perché non posso avvicinarmi troppo a lui… beh se non ci provo non ne sarò mai sicuro!!*
Mentre pensava questo il rivale aveva deciso di tentare di nuovo un offensiva e aveva scagliato il suo Petal Slash, ma Aburame riuscì ad evitarlo e decidendo di dare inizio alla sua strategia cominciò a correre velocemente verso di lui. Marluxia credendo che la sua fosse un azione disperata e nient’altro si tenne pronto ad accoglierlo “Vieni qui, ti sto aspettando!”
Il suo intento era colpirlo con un fendente abbastanza potente da ucciderlo, ma il Ninja aveva una buona prontezza di riflessi e appena il malvagio tentò la sua azione lo evitò balzando verso l’alto e arrivando proprio sopra la sua testa… dopodiché tentò un pugno con il braccio destro mirando alla fronte e l’uomo riuscì ad evitarlo solo all’ultimo e a colpire lui stesso il rivale con un calcio spazzandolo via.
Shino venne scagliato via a parecchi metri di distanza e finì inesorabilmente a terra a pancia in giù “Ammetto che stavi quasi per fregarmi, ma ormai è finita!” dichiarò subito dopo l’ex membro dell’Organizzazione XIII con un sorrisino maligno sul volto.
Il Ninja non lo smentì affatto, anzi mentre sollevava il busto reggendosi con le braccia confermò il tutto con un sorriso “… Hai ragione, è finita…” però con una sua aggiunta personale “… ma per te!!”
Il nemico non capì cosa stava cercando di dirgli… almeno inizialmente visto che subito dopo si ritrovò circondato da una miriade di insetti che erano tutti intorno a lui! “E questi da dove sono sbucati?”
“Eppure dovresti saperlo, sono gli insetti che hai disperso prima con il Petal Tornado… che ora si stanno vendicando!!” dichiarò il Jonin tornato in piedi ed osservando il nemico a distanza di sicurezza.
“Di cosa stai p… ehi, aspetta un momento!! C-Che d…” Marluxia cominciò a sentirsi improvvisamente… debole. Era come se le sue energie iniziassero ad andarsene da lui e proprio a causa di questo si accasciò al suolo in ginocchio toccandosi lo stomaco “C-Cosa sta s-succedendo?!”
“E’ l’Entomosfera!” iniziò a spiegare Shino svelando quella che era stata la sua strategia “Col pugno di prima il mio obiettivo non era colpirti, era solo di depositare una regina femmina sulla tua fronte in modo che gli altri miei insetti rimanessero attratti da te… in questo modo sentendo che la loro sovrana è in pericolo hanno iniziato a privarti delle tue energie, tra poco ti sentirai impotente… e pochi secondi dopo morirai per mancanza di forze. Come puoi vedere alla fine l’insetto ha trionfato sul niente, proprio come ti avevo detto!”
Quindi era questo ciò che era avvenuto… ma anche se si era fatto fregare non intendeva farsi sconfiggere da un essere tanto inferiore, un insetto non poteva sconfiggere un titano come lui, no non l’avrebbe mai accettato!! “C-Credi di avermi b-battuto? TI SBAGLI DI GROSSO!!” immediatamente si alzò in piedi usando le forze che gli erano rimaste ed agitando la falce utilizzò una versione potenziata del suo attacco “SPECIAL PETAL TORNADO!!” la tecnica era simile a quella di prima, solo che stavolta l’uragano era ben più grande e riuscì a spazzare via tutti gli insetti compresa la regina che si trovava sulla sua fronte e alcuni pirati che stavano combattendo intorno a loro, in questo modo il Nessuno si liberò dalla trappola e poté tornare a concentrarsi sull’avversario “Ed ora è il tuo turno!” nonostante fosse stato fregato non era arrabbiato, e questo perché gli aveva dimostrato che poteva annullare i suoi attacchi con estrema facilità.
Shino rimase spiazzato perché non si aspettava che anche con l’energia dimezzata potesse lanciare un attacco simile… lo scontro si stava facendo più difficile del previsto e il nemico disponeva di più potenza di quanto potesse immaginare, questa non ci voleva… *Ha annullato la mia strategia con una facilità esorbitante… sto iniziando a pensare che non uscirò vivo da questo scontro…* lo pensava davvero, non credeva di aver mai potuto pensare una cosa simile, ma la sua vita stava iniziando a passargli davanti agli occhi e la sua mente sembrava ormai essersi rassegnata… tuttavia, anche se aveva capito che era la fine, non intendeva andarsene senza lottare, avrebbe combattuto fino allo stremo delle sue energie, e chi lo sa… magari con un grande colpo di fortuna sarebbe anche riuscito a vincere!!
Il primo ad attaccare fu proprio il Nessuno che si lanciò contro l’uomo tentando di affondare la sua lama nel suo petto, ma Shino riuscì ad evitarlo spostandosi verso destra dopodiché tentò un calcio mirando alla faccia ma Marluxia lo evitò abbassandosi velocemente e affondò la sua falce contro il Ninja, ma per fortuna si rivelò essere nientemeno che un clone d’insetti: quello vero arrivò dal cielo e riuscì a colpirlo sulla testa con il tallone destro scaraventando il suo viso direttamente contro il suolo.
L’essere stato colpito da un essere tanto insignificante lo considerava una grande umiliazione, e considerando che molte volte nel corso del duello si era fatto beccare si poteva immaginare cosa stesse pensando in quel momento “… Mi stai dando sui nervi, ti farò fuori all’istante!!” dicendo ciò l’uomo dai capelli rosa sparì all’interno di un varco oscuro lasciando senza parole Aburame che cominciò a guardarsi attorno nel tentativo di capire da dove sarebbe sbucato.
Un corridoio delle tenebre apparve alle sue spalle e solo all’ultimo il Jonin riuscì ad accorgersi che da lì era partito un Petal Slash che mirava alla sua schiena… per fortuna erse la Tecnica del Muro di Insetti che riuscì a difenderlo *Devo stare attento o qui rischio g…*
“Anche se il mio attacco veniva da lì non significa che sbucherò fuori per forza da quel varco oscuro!!” la voce di Marluxia rimbombò nella zona e Shino cercò di capire da dove provenisse… ma purtroppo appena ebbe alzato lo sguardo accadde l’irreparabile… un varco oscuro fu aperto proprio davanti a lui e il malvagio vi fuoriuscì a velocità sovrumana con in mano la falce e mirando al suo petto… purtroppo solo all’ultimo il Ninja si accorse di quello che era accaduto e il rivale riuscì là dove aveva fallito fino a quel momento… a trapassarlo da parte a parte all’altezza del petto con la sua lama!!!
“Ti avevo avvertito che saresti finito male!” esclamò il perfido nemico con un sorriso diabolico sul volto e reggendo a due mani la falce con cui aveva appena infilzato il corpo avversario.
Immediatamente Shino cominciò a perdere fiotti di sangue dalla bocca e dalla ferita appena infertagli, era stato stupido e non aveva tenuto d’occhio perfettamente i movimenti avversari… e così aveva pagato il prezzo delle sue azioni. Mentre il muro di insetti creato precedentemente si disperdeva nell’aria, Aburame fece i suoi ultimi pensieri rivolti al suo amico Inuzuka… che ormai era rimasto l’unico membro del Team Kurenai ancora in vita, undici anni prima Hinata li aveva lasciati uccisa dal Signore Oscuro Xehanort… ed ora anche lui stava per abbandonarlo!!
Così, poco prima che il suo cuore si fermasse, pensò *K-Kiba, mi d-dispiace… ma h-ho fallit…* fu allora che le sue palpebre si chiusero e il suo corpo senza vita cadde al suolo non appena il malvagio ebbe rimosso la sua arma dal cadavere avversario.
Mentre osservava l’ormai deceduto rivale, l’ex membro dell’Organizzazione XIII disse sorridente “Come immaginavo non è stato difficile batterti e non mi sono servite le trasformazioni… adesso sarà meglio attaccare il Master, anche se prima devo recuperare le energie che questo bastardo mi ha sottratto!”
Anche se aveva vinto la battaglia le sue forze si erano drasticamente diminuite a causa della strategia del Jonin, per cui gli ci sarebbero voluti almeno un paio di minuti prima di tornare in forze, per sua fortuna era un Nessuno e aveva dei tempi di ripresa ristretti rispetto ai normali esseri umani.

“20.000.000 di volt!!”
Da tutt’altra parte del campo di combattimento anche il match tra Hanasia ed Ener proseguiva senza esclusione di colpi e l’ex Dio aveva appena sparato uno dei suoi micidiali fulmini dalla forma cilindrica contro la donna che era comunque riuscita ad evitarlo andando verso l’alto.
Dopo averlo fatto sparò contro il rivale il Ki Blast Series, una serie di piccoli di Ki Blast mirati a danneggiare il rivale, ma essendo dotato del Mantra per il perfido nemico non fu difficile prevedere le sue intenzioni ed agire di conseguenza, difatti usò la sua incredibile velocità per portarsi proprio sopra la guerriera e puntare la mano verso la sua faccia per tentare una scarica da 30.000.000 di volt, ma per fortuna la madre di Goku erse una barriera in sua difesa annullando l’offensiva che poteva essere fatale.
“Ottimi riflessi!” si complimentò con lei il membro dell’Organizzazione XIII dando una potente bastonata contro la difesa nel tentativo di spaccarla…
Però essa rimase eretta e non venne provocata neanche una crepa “E’ un vero peccato che senza i tuoi fulmini non riesci a danneggiarmi, vero?” lo provocò subito dopo la donna convinta che in forza fisica non fosse niente di ché…
Ma purtroppo si sbagliava di grosso “Tu dici?” utilizzando questa volta più forza, dette un nuovo colpo con la sua arma riuscendo questa volta a distruggere letteralmente la barriera sotto lo sguardo scioccato della Sayan “Ed ora… 20.000.000 di volt!!” stavolta tentò di puntare la mano contro il suo petto e folgorarla con una delle sue scariche, ma grazie alla sua agilità la guerriera riuscì ad evitare la mossa sfruttando l’ipervelocità per andare all’indietro.
“Prendi questo!!” subito dopo sparò un potente raggio energetico sfruttando entrambe le mani e mirando al suo avversario, era il colpo meglio noto come Ki Destruction.
Purtroppo però l’ex Dio sapeva esattamente come reagire “Kari!” ergendo una specie di barriera elettrica intorno a sé annullò il colpo avversario uscendo perfettamente integro dall’impatto.
La donna a quel punto strinse i pugni dalla rabbia, cavolo quel tipo era più tosto di quanto si aspettasse, già il fatto che i poteri oscuri aumentavano i danni delle sue scariche elettriche era una bella gatta da pelare… ma considerando anche che grazie all’Haki Kenbun-shoku potenziato dal suo frutto potesse addirittura leggere i suoi pensieri ed agire di conseguenza rappresenta un vero pericolo per la sua incolumità… doveva trovare il modo per eludere il suo Mantra, era l’unico modo che aveva per vincere.
“Non attacchi più? Ok, allora ci penserò io!” vedendo che la rivale non si muoveva Ener decise di contrattaccare caricando parecchia elettricità sulla sua mano sinistra e scagliandola verso l’alto mantenendo comunque il braccio alzato.
Hanasia conosceva perfettamente quella tecnica “Oh no!!”
“El Thor!!” abbassando l’arto un potente fulmine dalla forma cilindrica scese dal cielo in picchiata verso la donna che era preoccupata parecchio, se quel colpo l’avesse presa in pieno sarebbe morta sicuramente, per questo decise di usare ancora una volta l’ipervelocità per scansarsi ed uscire dalla sua traiettoria… e per fortuna ci riuscì, anche se l’attacco nemico impattando contro il suolo generò un enorme buco di ampia larghezza “Incredibile…” lei non era una che si stupiva facilmente, ma quell’avversario era uno shock dietro l’altro.
“Immagina tutta quella potenza scaricata all’interno del tuo corpo… non sarebbe un bello spettacolo, vero?” fece sarcasticamente il possessore del Rombo Rombo con un ghigno maligno sul volto.
E il bello era che aveva ragione… ma nonostante questo la moglie di Bardak non poteva gettare la spugna, era un membro dell’elité dei Sayan un tempo ed era conosciuta per essere una degli esponenti della sua razza più forti insieme a Gerkin, una delle guardie del corpo di Re Vegeta… non poteva lasciarsi sconfiggere da un tipo come quello… non adesso che finalmente aveva ritrovato il figlio di cui andava fiero per essere riuscito ad eliminare Freezer… doveva vincere a tutti i costi!!
Però come se avesse letto i suoi pensieri il malvagio ribatté dicendo “Tanto è inutile, anche se puoi colpirmi usando il Ki non hai alcun modo per riuscire ad eludere il mio Mantra… arrenditi e ti risparmierò una fine lenta e dolorosa, ti farò fuori con un colpo senza alcuna sofferenza!”
Ma sentilo quante arie si dava, se credeva che LEI si sarebbe arresa sbagliava di grosso, era questo il pensiero di Hanasia, doveva solo trovare il modo migliore per contrastare i suoi attacchi e al tempo stesso coglierlo di sorpresa… ma certo!! Perché non ci aveva pensato prima, poteva sempre… improvvisare!!
Immediatamente un sorrisino si stampò sul suo volto e, rivolgendosi al suo avversario del momento, gli disse “Preparati… perché sto arrivando!!” dopo aver esclamato ciò cominciò a sparare il suo Ki Blast Series mirando all’ex Dio.
Quest’ultimo, per niente sorpreso, dichiarò “Sei troppo prevedibile, Kari!!” ed erse in sua difesa la barriera elettrica che annullò all’istante tutti i colpi che finivano per impattare con esso.
“Anche tu lo sei!!” usando l’ipervelocità la madre di Goku raggiunse il nemico arrivando alla sua destra con un azione del tutto improvvisata che non poteva essere predetta, difatti il membro dell’Organizzazione XIII rimase stupito dalla sua mossa e di vederla tentare di centrarlo con un pugno concentrato di Ki sulla guancia.
L’ex Dio sfruttò il suo bastone per deviare la traiettoria del colpo, ma ancora una volta Hanasia andò senza pensare e riempì la gamba destra di Ki assestando un violento calcio allo stomaco del rivale e spazzandolo via!! “Ti è piaciuto questo?”
Ener riuscì comunque ad atterrare in piedi, ma non negò di provare un leggero dolore sullo stomaco proprio come poco prima aveva provato sulla guancia “Maledetta…” il suo Mantra non riusciva a prevedere le sue mosse… come mai? Qual’era il trucco che stava usando?
Lei naturalmente non svelò niente e si limitò a lanciarsi ancora una volta contro di lui che si tenne pronto ad accoglierla a braccia aperte “Vieni avanti che ti sto aspettando!! 30.000.000 volt Belva del Fulmine Kiten!” colpendo col suo bastone uno dei tamburi generò un lupo elettrico che attendeva la Sayan al varco.
Ma lei, col suo classico sorriso beffardo sul volto, spalancò la bocca e sparò un violento Break Cannon distruggendo letteralmente la creatura di fulmini e costringendo Ener a balzare verso l’alto per evitare il raggio elettrico *Perfetto!!* essendo saltato poteva rischiare di non avere un ottimo controllo dei suoi movimenti e quindi doveva assolutamente approfittarne per tentare di colpirlo!!
Per prima cosa sfruttò l’ipervelocità per raggiungerlo e tirargli un violento pugno sulla faccia spazzandolo via, dopodiché si caricò di Ki e lo raggiunse riuscendo a colpirlo con un calcio intriso della sua energia sullo stomaco per spedirlo verso l’alto… l’ex Dio riusciva a prevedere le sue mosse, ma purtroppo a causa dell’enorme velocità avversaria non riusciva ad evitarli del tutto *Maledetta… devo scompormi in fulmini as…*
Non terminò neanche la frase che la madre di Goku l’aveva raggiunto e gli aveva assestato una violenta doppia gomitata sullo stomaco spedendolo al suolo violentemente… il tutto lo terminò caricando un Ki Sphere in poco tempo e scagliandolo verso il punto in cui era piombato il membro dell’Organizzazione XIII generando una violenta esplosione che spazzò via molti dei combattenti che erano intorno alla loro zona di combattimento.
Ormai il fuoco e le fiamme si erano diradate e l’unica cosa che era rimasta era il polverone causato dall’impatto… era impossibile che dopo quel colpo fosse sopravvissuto, anche perché aveva usato parecchie delle sue energie, purtroppo non era forte quanto quella che aveva annientato Kidd perché l’aveva caricata a velocità lampo, ma era sicura che sarebbe bastata “S-Sistemato!” balbettava a causa del fiatone che aveva.
“Niente male come colpo, ma non è sufficiente!!” quella voce spiazzò Hanasia del tutto… perché era quella di Ener!! Girandosi per averne la conferma si ritrovò la mano dell’ex Dio puntata verso il petto e lui sopra di lei che galleggiava in aria e sorrideva malignamente, probabilmente grazie al Kari aveva in parte attutito il colpo che gli era stato sparato contro!!
“20.000.000 di volt!!” appena ebbe gridato il nome della tecnica partì una fortissima scossa elettrica che attraversò l’intero corpo della donna iniziando a bruciargli gli organi vitali.
A causa delle forze oscure la potenza del colpo era micidiale… ma lei non fece trapelare nessun segno di dolore, anzi sorridendo mentre la scarica la investiva completamente disse con la sua solita non chalance “Tutto qui? Mi sembra solo elettricità statica e nulla di più!”
“Ah davvero? Beh allora dovrò impegnarmi di più… 50.000.000 di volt!!” aumentando la potenza il fulmine cominciò a provocare ancora più dolori alla guerriera, tanto che questa volta non riuscì a trattenersi e cominciò ad urlare tutto il suo dolore al cielo.
Sentiva che il suo corpo stava per diventare cenere, non avrebbe retto ancora per molto *D-Di questo p-passo finirò c-carbonizzata!!*
“Però, hai la pelle dura. Ma brava, se sopravvivi anche a questo entrerai nel guinness dei primati! 100.000.000 di volt!!!” utilizzando una delle sue scariche più potenti dette alla guerriera il cosiddetto colpo di grazia…
Perché chiamarlo così? Ovvio… perché quel colpo unito ai poteri oscuri che aveva intriso in esso bastarono a far fuori la Sayan in maniera definitiva!! Prima di morire però riuscì a pensare ad una cosa *B-Bardak… sto p-per arrivare d-da te…* in tutta la sua vita non aveva fatto altro che fare delle scelte volte all’unico scopo di divertirla, poche volte aveva preso le cose seriamente come in quegli ultimi giorni… ed una delle volte è stato proprio lo sposare quello che sarebbe diventato il padre dei suoi figli, in lui c’era sempre stato qualcosa che l’aveva attratta non poco… ed ora che stava per morire l’avrebbe raggiunto e sarebbero stati insieme… per sempre!!
Pochi secondi dopo Ener terminò il suo attacco e l’ormai cadavere abbrustolito di Hanasia precipitò dall’aria schiantandosi al suolo e giacendo a terra privo di vita… il tutto mentre il membro dell’Organizzazione XIII tornava a terra alla velocità del tuono e disse con un sorriso maligno “La vita di una traditrice non può avere un epilogo diverso… buon viaggio all’inferno!!”
La vita della madre di colui che aveva sconfitto Freezer si era spenta per sempre, e quasi sicuramente coloro che erano in grado di localizzare il Ki degli abitanti del loro Universo l’avrebbero sicuramente sentito…

Proprio il figlio, mentre stava combattendo la sua battaglia, percepì qualcosa nell’aria, qualcosa di davvero molto strano… l’aura della guerriera si era improvvisamente spenta, che cosa era successo? *Che strano, come mai l’aura della mamma è sparito d’un tratto? Cos’è successo?*
“Non distrarti!” a causa di questo suo abbassamento di guardia Ultra Bu lo colpì con un pugno sulla guancia spostandolo all’indietro di qualche metro per aria “Voglio che mi guardi negli occhi mentre ti uccido, Son Goku!” gli disse subito dopo il demone con uno sguardo diabolico.
Il Sayan, che era ancora trasformato in SSJ3, dovette lasciare perdere il discorso su Hanasia momentaneamente e concentrarsi su colui che aveva davanti “Ti chiedo scusa, la cosa non ricapiterà più!” gli disse difatti con un sorrisino e tornando in posizione da combattimento.

“Beccatevi questo!!”
Tornando alla Stazione Spaziale, qui dopo che anche Zero, Kate e Cid si erano uniti alla battaglia gli Heartless, i Nessuno e i Nesciens non avevano più avuto alcuna via di scampo, difatti loro e i bambini stavano facendo piazza pulita e Turner aveva appena usato i suoi missili per eliminare cinque Fluttuo “Sembrate forti, ma in realtà possiamo battervi facilmente!”
Anche Swann aveva usato un lanciamissili per far fuori tre Shadow “Come ho già detto non sono stata un computer per sedici anni senza aver imparato niente sulle armi!” esclamò con un sorrisino sul volto.
Pure Highwind, contro la sua volontà, stava combattendo contro alcuni Neo Shadow e li aveva appena distrutti con un colpo di bazooka… anche se mentalmente pensava *Che siate maledetti, bastardi!!* il tutto con uno sguardo incazzato e guardando i due neo alleati, in fondo erano stati loro a spingerlo a forza a combattere insieme a loro.
Anakin aveva deciso di raggiungere i suoi amici per dar loro una mano durante il combattimento e al tempo stesso vedere se come aveva supposto Rebecca aveva ereditato l’abilità da cecchino di suo padre… *Speriamo che sia davvero così…* pensò mentre osservava la pistola che aveva in mano preoccupato di cosa sarebbe potuto accadere se così non fosse stato…
Proprio in quell’istante un Simile si avventò contro di lui per colpirlo con un doppio calcio, era la prova del nove che aspettava *O ora o mai più!!* così, puntando l’arma contro l’avversario, sparò il proiettile… centrandolo in piena testa e facendolo evaporare in particelle di oscurità!! Gli era bastato un solo colpo per centrarlo sulla fronte!!
Neppure lui riusciva a crederci “Incredibile…” affermò difatti osservando stupito l’arma che reggeva tra le mani.
“Wow, complimenti!” esclamò Pan meravigliata dopo aver visto la sua impresa.
Erika, avvicinandosi a lui così come la figlia di Gohan, gli disse “Ma allora lo vedi che anche tu hai un abilità? Sei un cecchino come tuo padre, quindi puoi darci una mano a combattere!!”
“… Così sembra!” era ancora leggermente stupito di aver scoperto di avere un potere innato, ma al tempo stesso era felice… felice di potersi finalmente rendere utile alla causa!!
Anche se per sua sfortuna la battaglia sembrava già quasi finita “Tutti i mostri, sono spariti!” disse difatti Hinata guardandosi attorno e notando che non c’erano più.
“Li abbiamo fatti fuori tutti… a quanto pare sappiamo davvero cavarcela da soli!” affermò allora Leila sorridendo, avevano dimostrato ai grandi e a se stessi che non avevano bisogno degli adulti per combattere una guerra.
Anche se purtroppo non era finita “Aspettate a cantare vittoria… manca ancora il più forte di tutti!!” gli fece difatti notare Seto voltando lo sguardo verso Darkster che era a qualche metro di distanza da loro.
Mentre Rebecca osservava tutto dall’enorme finestra della sala centrale della Stazione Spaziale con l’acqua alla gola per la preoccupazione, Zero cercò di mettere in guardia tutti dalla pericolosità di quell’essere “Fate attenzione, non solo è una parte del Master… ma possiede anche dei poteri ben superiori da quelli delle creature che abbiamo appena sconfitto!!”
“E allora? Lo sconfiggeremo lo stesso!!” gridò però Joey sicuro di quello che diceva.
“Ben detto!” Cloud era d’accordo con lui.
Gli altri però non nascondevano di avere un certo timore, lo stesso Michael che era uno dei più intelligenti lì in mezzo pensò *L’unico modo per batterlo è il Keyblade del Master… senza di quello non abbiamo speranze di sconfiggerlo, ma al tempo stesso non possiamo rimanere qui a farci sbranare…* dovevano per forza combattere, però sapeva anche che non avevano possibilità di vittoria e che sarebbe stata una battaglia difficilissima…
Soprattutto considerando che l’essere, vista la sconfitta dei suoi subalterni, si era parecchio alterata e aveva spiegato i suoi artigli dopo essersi leccata le labbra… sembrava avere intenzione di divorare tutti coloro che aveva davanti all’istante, e questo significava per loro solo una cosa… guai seri!!

Nel frattempo Marluxia si era ormai ripreso quasi del tutto dal precedente scontro con Shino in cui la maggior parte delle sue energie erano state prelevate dagli insetti del Ninja, ora però aveva recuperato parzialmente le forze e si stava già incamminando verso Master Xehanort che vedeva star continuando il suo duello contro Luffy… era sicuro che anche in quelle condizioni sarebbe riuscito a batterlo *Prima ti sei salvato, ma questa volta non avrai scampo… ti ucciderò, dopodiché eseguirò il Rito della Gloria Nera e a quel punto tutti gli Universi saranno miei!!*
Tuttavia anche questa volta qualcuno bloccò la sua avanzata… “El Thor!!” un fulmine dalla forma cilindrica cadde dal cielo e si schiantò a pochi centimetri dal Nessuno generando un enorme voragine… era chiaro che quello non fosse un fenomeno naturale e che qualcuno l’avesse lanciato per ostruirgli il passaggio…
E non era neanche difficile capire chi fosse “Non la smetterai mai di ficcare il naso nei miei affari… Ener?!?!”
Difatti ecco che l’ex Dio, che pareva essersi ripreso parzialmente dallo scontro con la Sayan, si manifestò proprio dall’altra parte del buco tramite i poteri derivatigli dal frutto Rombo Rombo “Che cosa ti aspettavi? Ci hai traditi e hai tentato di mandare all’aria i nostri piani… come ho già detto ad Hanasia la vita di un traditore non può avere un epilogo diverso della morte… e sarò io stesso a darti il giudizio divino!!” dopo aver detto ciò l’uomo, che si era ormai composto del tutto, fece roteare con due mani il suo bastone pronto alla lotta.
Dall’altra parte l’ex sgherro di Xehanort, non avendo alternative, brandì la sua falce con la mano destra e disse sorridendo “Se proprio insisti ti accontento subito, in fondo anche tu sei nella mia lista nera da quando mi hai impedito di uccidere il Master… ed è ora che tolga il tuo nome dal foglio!!”
Ener vs Marluxia, uno scontro tra titani stava per iniziare, chiunque fosse uscito integro da quel duello avrebbe avvantaggiato la Neo Resistenza che si sarebbe ritrovata un nemico in meno… ma chi sarebbe riuscito ad ottenere la vittoria alla sua conclusione?

Eventi Principali Modifica

Personaggi Apparsi Modifica

Marluxia

Shino Aburame

Ener

Hanasia

Riku

Drakule Mihawk

Son Goku

Ultra Bu

Zero Turner

Kate Swann

Cid Highwind

Rebecca Hitari

Boris Hitari

Seto Hitari

Joey

Monkey D. Erika

Michael

Cloud Uzumaki

Leila Hyuga

Hinata Uzumaki

Tea

Kankuro Nara

Pan

Bra

Anakin

Darkster

Heartless

Nessuno

Nesciens

Uomini di Ghiaccio

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale